Fallimento inefficacia ex art 64 LF garanzia reale prestata dal terzo

7

deve ritenersi che la garanzia reale che sia prestata dal terzo in un momento successivo all’insorgenza del debito garantito, ove non risulti correlata ad un corrispettivo economicamente apprezzabile proveniente dal debitore principale o dal creditore garantito, e’ qualificabile come atto a titolo gratuito; ne consegue, in caso di sopravvenienza del fallimento del garante, che il suddetto atto resta soggetto, ai sensi della cennata L. Fall., articolo 64, alla sanzione di inefficacia contemplata per i negozi gratuiti.

Per una più completa ricerca di giurisprudenza in materia di diritto fallimentare, si consiglia di consultare la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia di diritto fallimentare si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La (nuova) revocatoria fallimentare delle rimesse in Conto Corrente: rilevanza o meno della natura solutoria della rimessa?

Revocatoria fallimentare: elementi rilevati ai fini dell’accertamento della scientia decoctionis.

Contratto di assicurazione e dichiarazione di fallimento, con particolare riferimento all’assicurazione R.C.A.

La sorte del contratto di affitto di azienda pendente al momento della dichiarazione di fallimento.

L’estensione di fallimento alle società a responsabilità limitata socie di una “società di fatto”

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Sentenza 19 aprile 2016, n. 7745

Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FORTE Fabrizio – rel. Presidente

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere

Dott. FERRO Massimo – Consigliere

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 18386/2010 proposto da:

(OMISSIS) S.P.A., (C.F. (OMISSIS)), quale mandataria della (OMISSIS) S.P.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dall’avv. (OMISSIS), elettivamente domiciliata presso il suo studio in (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO DI (OMISSIS), in persona del curatore pro tempore, rappresentato e difeso dall’avv. (OMISSIS), elettivamente domiciliato presso il suo studio in (OMISSIS);

– controricorrente –

avverso il decreto del Tribunale di Reggio Emilia, nel procedimento iscritto al r.g. 2505/2008, depositato il giorno 3 giugno 2010;

Sentita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del giorno 2 marzo 2016 dal presidente relatore Dott. Fabrizio Forte;

udito l’avv. (OMISSIS) per il controricorrente;

udito il P.M. in persona del sostituto procuratore generale Dott. SALVATO Luigi, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

(OMISSIS) s.p.a., quale mandataria della (OMISSIS) s.p.a., avente causa della (OMISSIS) s.p.a., impugna per cassazione il decreto del Tribunale di Reggio Emilia depositato il 3 giugno 2010, che respinse l’opposizione allo stato passivo del fallimento di (OMISSIS), in seno al quale la (OMISSIS) s.p.a. era stata ammessa al concorso al rango chirografario, avendo il giudice delegato ritenuto inefficace ex articolo 64 l.fall. l’ipoteca volontaria concessa dal fallito entro il biennio precedente alla sua dichiarazione di fallimento.

Ritenne il Tribunale che la garanzia rilasciata da (OMISSIS), al momento della stipula del mutuo erogato dalla banca in favore della (OMISSIS) s.r.l., di cui il terzo datore era socio di maggioranza, non poteva ritenersi contestuale al sorgere del credito e, quindi, presuntivamente onerosa, essendo state destinate le somme mutuate al ripianamento di pregresse esposizioni debitorie; soggiunse il tribunale che, anche avuto riguardo alla causa negoziale in concreto perseguita dalle parti, risultava provata la natura gratuita della garanzia rilasciata dal terzo.

Il ricorso e’ affidato a due motivi.

Il fallimento di (OMISSIS) resiste con controricorso e deposita memoria ex articolo 378.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo la ricorrente denuncia la violazione della L. Fall., articoli 64 e 67, e articolo 2901 c.c., nonche’ vizio di motivazione, ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5), assumendo che il Tribunale abbia erroneamente ritenuto la gratuita’ della garanzia concessa dal terzo datore, nonostante la contestualita’ tra la stipula del mutuo e la costituzione della detta ipoteca.

Con il secondo motivo la ricorrente deduce un vizio di motivazione, ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5), rilevando la contraddittorieta’ della decisione del giudice che, da un lato, ha ammesso al concorso il credito vantato dalla banca, cosi’ ritenendo il mutuo fondiario opponibile alla massa, e, dall’altro, ha escluso il riconoscimento della prelazione ipotecaria pure discendente dal medesimo negozio.

Preliminarmente, avuto riguardo alle osservazioni in udienza del Procuratore Generale, deve ritenersi l’ammissibilita’ del ricorso proposto da (OMISSIS) s.p.a., quale successore a titolo particolare della Unicredit s.p.a. (successore a titolo universale, a sua volta, della (OMISSIS) s.p.a.), dovendosi ribadire l’orientamento di questa Corte a tenore del quale, il successore a titolo particolare nel diritto controverso e’ legittimato ad impugnare la sentenza resa nei confronti del proprio dante causa, provando il titolo – si veda la documentazione prodotta dalla ricorrente ex articolo 372 c.p.c., comma 1, – che gli consenta di sostituire quest’ultimo (Cass. 19 febbraio 2015, n. 3336; Cass. 30 maggio 2014, n. 12179; Cass. 17 luglio 2013, n. 17470; Cass. 7 aprile 2011, n. 7986).

Il primo motivo e’ infondato.

Come osservato dal tribunale nel provvedimento qui impugnato, con riguardo ad atto costitutivo di garanzia prestata dal terzo in favore di altro soggetto, il principio stabilito per l’azione revocatoria ordinaria dall’articolo 2901 c.c., comma 2, secondo il quale le prestazioni di garanzia, anche per debiti altrui, sono considerate atti a titolo oneroso, quando sono contestuali al sorgere del credito garantito, e’ senz’altro applicabile anche alla revocatoria fallimentare, essendo tale principio coerente con la natura intrinseca dell’atto (di prestazione di garanzia); il quale atto, nei confronti del soggetto erogatore del finanziamento, non puo’ essere considerato gratuito – con conseguente inapplicabilita’ della L. Fall., articolo 64 -, perche’ viene a porsi in relazione di corrispettivita’ con la contestuale erogazione del credito (Cass. 4 febbraio 2010, n. 2610; Cass. 15 dicembre 2006, n. 26933; Cass. 24 febbraio 2004, n. 3615; Cass. 20 aggio 1985, n. 3085).

All’inverso, deve ritenersi che la garanzia reale che sia prestata dal terzo in un momento successivo all’insorgenza del debito garantito, ove non risulti correlata ad un corrispettivo economicamente apprezzabile proveniente dal debitore principale o dal creditore garantito, e’ qualificabile come atto a titolo gratuito; ne consegue, in caso di sopravvenienza del fallimento del garante, che il suddetto atto resta soggetto, ai sensi della cennata L. Fall., articolo 64, alla sanzione di inefficacia contemplata per i negozi gratuiti (Cass. 21 maggio 2010, n. 12507; Cass. 20 maggio 1987, n. 4608; Cass. 5 febbraio 1982, n. 652).

Nel caso di specie, il tribunale ha ritenuto che la garanzia prestata dal terzo non poteva considerarsi una controprestazione in ragione del fatto che essa era stata concessa non gia’ in funzione dell’erogazione del mutuo, bensi’ in un momento posteriore al sorgere della esposizione debitoria della societa’ mutuataria; come e’ risultato ampiamente dimostrato dalla circostanza che le somme mutuate furono, appunto, impiegate per estinguere pregresse esposizioni debitorie, sia della detta mutuataria che del terzo garante.

Una volta appurata la non contestualita’ tra il credito e la garanzia costituita dal terzo, il tribunale, in maniera del tutto plausibile, ha ritenuto che nessun corrispettivo fosse stato concesso al terzo datore d’ipoteca ne’ dal debitore principale e neppure dal creditore garantito, avendo in realta’ il terzo accettato di fare costituire un pesante gravame sul proprio patrimonio immobiliare, senza ricevere alcuna contropartita.

Tale motivazione, oltre ad essere conforme agli orientamenti giurisprudenziali dianzi citati, costituisce accertamento in fatto adeguatamente argomentato sotto il profilo fattuale oltre che logico-giuridico e, quindi, non sindacabile in questa sede di legittimita’.

Il secondo motivo e’ infondato.

A differenza di quanto ritenuto dalla ricorrente, il tribunale non ha sindacato l’efficacia o la validita’ del mutuo concesso alla societa’ di cui il fallito era amministratore – peraltro gia’ oggetto di ammissione al concorso con provvedimento del giudice delegato non suscettibile di riforma, in difetto di impugnazione da parte del curatore o dei creditori concorrenti -, limitandosi a rilevare l’inefficacia della garanzia concessa dal terzo datore d’ipoteca, in quanto atto a titolo gratuito intervenuto nei due anni precedenti alla dichiarazione di fallimento.

Del resto, va ricordato che secondo il consolidato orientamento di questa Corte, nel caso di revocatoria L. Fall., ex articolo 67, di una ipoteca, accessoria ad un mutuo, che integri in concreto una garanzia costituita per un debito chirografario preesistente, la revoca di detta ipoteca non comporta necessariamente l’esclusione dall’ammissione al passivo di quanto erogato per il suddetto mutuo, essendo l’ammissione incompatibile con le sole fattispecie della simulazione e della novazione, e non anche con quella del negozio indiretto, poiche’, in tal caso, la stessa revoca dell’intera operazione – e, quindi, anche del mutuo – comporterebbe pur sempre la necessita’ di ammettere al passivo la somma (realmente) erogata in virtu’ del mutuo revocato, e cio’ in quanto all’inefficacia del contratto conseguirebbe pur sempre la necessita’ di restituzione degli importi erogati, sia pur in moneta fallimentare (cfr. Cass. 28 gennaio 2013, n. 1807).

Le spese seguono la soccombenza, liquidate come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte respinge il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali in favore del controricorrente, liquidate in Euro 8.200,00, in essi compresi 200,00 per esborsi, oltre spese generali ed accessori di legge.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.