Fallimento azione revocatoria fondo patrimoniale

3

in tema di azione revocatoria della costituzione del fondo patrimoniale per i bisogni della famiglia, la natura reale del vincolo di destinazione impresso dalla costituzione del fondo implica la necessita’ che la sentenza di revoca faccia stato nei confronti di tutti coloro per i quali il vincolo stesso e’ stato costituito. Pertanto, nel giudizio promosso dal creditore personale al fine di revocare l’atto costitutivo del fondo al quale abbiano preso parte entrambi i coniugi, divenendo comproprietari dei beni vincolati, sussiste il litisconsorzio necessario dei suddetti stipulanti

Per una più completa ricerca di giurisprudenza in materia di diritto fallimentare, si consiglia di consultare la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia di diritto fallimentare  si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La (nuova) revocatoria fallimentare delle rimesse in Conto Corrente: rilevanza o meno della natura solutoria della rimessa?

Revocatoria fallimentare: elementi rilevati ai fini dell’accertamento della scientia decoctionis.

Contratto di assicurazione e dichiarazione di fallimento, con particolare riferimento all’assicurazione R.C.A.

La sorte del contratto di affitto di azienda pendente al momento della dichiarazione di fallimento.

L’estensione di fallimento alle società a responsabilità limitata socie di una “società di fatto”

Corte di Cassazione, Sezione 6 1 civile Ordinanza 19 settembre 2017, n. 21708

Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere

Dott. DI MARZIO Mauro – rel. Consigliere

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8740/2016 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO DELLA S.P.A. (OMISSIS);

– intimata –

avverso la sentenza n. 3831/2015 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI, depositata il 30/09/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non partecipata del 12/06/2017 dal Consigliere Dott. MAURO DI MARZIO.

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:

Con sentenza del 30 settembre 2015 la Corte d’appello di Napoli ha rigettato l’impugnazione incidentale proposta da (OMISSIS) avverso la sentenza con cui il locale Tribunale, su istanza del Fallimento (OMISSIS) S.p.A., aveva revocato ai sensi dell’articolo 2901 c.c., l’atto del 24 giugno 2011 con cui ella aveva costituito) in fondo patrimoniale l’immobile sito in (OMISSIS), di cui era comproprietaria al 50% con (OMISSIS), coniuge in regime di separazione dei beni.

Averso tale provvedimento (OMISSIS) ha proposto ricorso per cassazione affidato a due motivi illustrati da memoria, mentre gli intimati, Fallimento e Russo, non hanno spiegato difese.

Considerato che:

Con il primo motivo di ricorso si lamenta violazione e falsa applicazione degli articoli 99, 100, 112, 132 c.p.c., nonche’ degli articoli 167, 170 e 2901 c.c., nonche’ difetto di motivazione, il tutto in relazione all’articolo 360 c.p.c., nn. 3, 4 e 5, censurandosi la sentenza impugnata per aver omesso di dichiarare l’estraneita’ della ricorrente alla lite, atteso che la sua evocazione in giudizio era stata determinata solo dalla necessita’ di notiziaria dell’eventuale esito sul bene in comproprieta’ con il marito, essendo ella tuttavia del tutto estranea alle ragioni che avevano generato il credito del fallimento nei confronti del (OMISSIS), legate infatti alla carica di sindaco da quest’ultimo ricoperto nella societa’ ancora in bonis e oggetto di altra controversia ai sensi della L. Fall., articolo 146, proposta dalla stessa curatela.

Con il secondo motivo di ricorso si lamenta violazione e falsa applicazione degli articoli 90, 91 e 92 c.p.c., anche in relazione agli Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articoli 8 e 13 e difetto di motivazione in relazione all’articolo 360 c.pc.., nn. 3 e 5 c.p.c., censurandosi la condanna alle spese cui la ricorrente era stata assoggettata in entrambi i giudizi di merito.

Ritenuto che:

Il Collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente in data 14 settembre 2016, la redazione della motivazione in forma semplificata.

Il ricorso e’ manifestamente infondato.

Il primo motivo di ricorso, per la parte in cui lamenta la violazione o falsa applicazione delle norme richiamate in rubrica, e’ infondato avendo questa Corte gia’ condivisibilmente affermato che, in tema di azione revocatoria della costituzione del fondo patrimoniale per i bisogni della famiglia, la natura reale del vincolo di destinazione impresso dalla costituzione del fondo implica la necessita’ che la sentenza di revoca faccia stato nei confronti di tutti coloro per i quali il vincolo stesso e’ stato costituito. Pertanto, nel giudizio promosso dal creditore personale al fine di revocare l’atto costitutivo del fondo al quale abbiano preso parte entrambi i coniugi, divenendo comproprietari dei beni vincolati, sussiste il litisconsorzio necessario dei suddetti stipulanti (Cass. 18 ottobre 2011, n. 21494).

A tanto consegue che la partecipazione della odierna ricorrente al giudizio e’ da considerarsi necessaria e che, contrariamente a quanto ribadito dalla stessa ricorrente in memoria, la revocatoria introdotta dal Fallimento ha attinto l’atto di costituzione del bene in discorso in fondo patrimoniale nel suo complesso, rendendolo come tale inefficace, quantunque i creditori del coniuge della (OMISSIS) non abbiano, evidentemente, legittimazione ad agire nei confronti di lei.

La parte di motivo in cui si deduce la nullita’ della sentenza per vizio di motivazione va dichiarata inammissibile non esplicitandosi nella censura le ragioni che conforterebbero tali deduzioni con riferimento ai canoni previsti dall’articolo 360, comma 1, nn. 3 e 5.

Il secondo motivo di ricorso e’ parimenti infondato per la parte in cui lamenta una violazione di legge, atteso che in tema di spese processuali il sindacato della corte di cassazione e’ limitato ad accertare che non risulti violato il principio secondo il quale le spese non possono essere poste a carico della parte totalmente vittoriosa (Cass. 19 giugno 2013, n. 15.317), ipotesi estranea al caso di specie ove la ricorrente e’ il soccombente, mentre deve considerarsi inammissibile nella parte in cui deduce un vizio di motivazione, non risultando conforme al dettato del novellato articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5.

Nulla per le spese.

P.Q.M.

rigetta il ricorso; nulla per le spese.

Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13 comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, da’ atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.