Banca saldo negativo di conto corrente ammissione al passivo

0

la banca, ove prospetti una sua ragione di credito verso il fallito derivante da un rapporto obbligatorio regolato in conto corrente e ne chieda l’ammissione allo stato passivo, ha l’onere, nel giudizio di opposizione allo stato passivo, di dare piena prova del suo credito, assolvendo il relativo onere secondo il disposto della norma generale dell’articolo 2697 c.c. attraverso la documentazione relativa allo svolgimento del conto, senza poter pretendere di opporre al curatore, stante la sua posizione di terzo, gli effetti che, ai sensi dell’articolo 1832 c.c., derivano, ma soltanto tra le parti del contratto, dall’approvazione anche tacita del conto da parte del correntista, poi fallito, e dalla di lui decadenza dalle impugnazioni.

Per una più completa ricerca di giurisprudenza in materia di diritto fallimentare, si consiglia di consultare la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia di diritto fallimentare si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

I presupposti per la dichiarazione di fallimento

La (nuova) revocatoria fallimentare delle rimesse in Conto Corrente: rilevanza o meno della natura solutoria della rimessa?

Revocatoria fallimentare: elementi rilevati ai fini dell’accertamento della scientia decoctionis.

Contratto di assicurazione e dichiarazione di fallimento, con particolare riferimento all’assicurazione R.C.A.

La sorte del contratto di affitto di azienda pendente al momento della dichiarazione di fallimento.

Corte di Cassazione|Sezione 6 1|Civile|Ordinanza|4 giugno 2019| n. 15219

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere

Dott. DI MARZIO Mauro – rel. Consigliere

Dott. MARULLI Marco – Consigliere

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 25194-2015 proposto da:

(OMISSIS) SPA, in persona del suo procuratore pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO DELLA (OMISSIS) SRL;

– intimato –

avverso il decreto n. 1027/2013 R.G. del TRIBUNALE di LAGONEGRO, depositato il 15/09/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non partecipata dell’08/01/2019 dal Consigliere Relatore Dott. DI MARZIO MAURO.

FATTO E DIRITTO

1. – Con decreto del 15 settembre 2015 il Tribunale di Lagonegro ha respinto l’opposizione allo stato passivo spiegata da (OMISSIS) S.p.A. nei confronti del Fallimento (OMISSIS) S.r.l., in conseguenza dell’esclusione dell’importo di Euro 340.048,72 a fronte dell’insinuazione al passivo del fallimento avanzata per il complessivo importo di Euro 1.090.432,07.

Premesso che l’importo non riconosciuto era in tesi dovuto, alla stregua della prospettazione della banca, in relazione ad un rapporto di conto corrente con garanzia ipotecaria, il giudice di merito ha osservato che la stessa banca non aveva provato il proprio credito, essendosi limitata a produrre soltanto una parte degli estratti conto concernenti il menzionato rapporto (in particolare foglio 4 del decreto impugnato).

2. – Per la cassazione del decreto (OMISSIS) S.p.A. ha proposto ricorso per tre mezzi, depositando memoria.

Il Fallimento non ha spiegato attivita’.

3. – Il primo motivo denuncia ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 3, in relazione agli articoli 115 e 116 c.p.c. non all’articolo 2727 c.c., omessa considerazione delle prove documentali allegate da essa ricorrente, censurando il decreto impugnato per aver negato l’ammissione del credito, quantunque essa non potesse giustificarsi sulla mancata produzione degli estratti conto, considerati i residui elementi istruttori disponibili.

Il secondo motivo denuncia omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che e’ stato oggetto di discussione tra le parti, censurando il decreto impugnato per non aver considerato i fatti storici posti a sostegno della domanda.

Il terzo motivo denuncia ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 3, violazione degli articoli 1832 e 2697 c.c., censurando il decreto impugnato per aver ritenuto che la prova dell’invio degli estratti conto dovesse darsi per iscritto.

4. – Il collegio ha autorizzato la redazione del provvedimento in forma semplificata.

5. – Il ricorso va respinto.

I tre motivi, che per il loro collegamento possono essere simultaneamente esaminati, sono difatti privi di fondamento.

Come e’ stato anche da ultimo ribadito, in tema di ammissione al passivo fallimentare, nell’insinuare il credito derivante da saldo negativo di conto corrente, la banca ha l’onere di dare conto dell’intera evoluzione del rapporto tramite il deposito degli estratti conto integrali (Cass. 12 settembre 2018, n. 22208).

Secondo la giurisprudenza di questa Corte, difatti, la banca, ove prospetti una sua ragione di credito verso il fallito derivante da un rapporto obbligatorio regolato in conto corrente e ne chieda l’ammissione allo stato passivo, ha l’onere, nel giudizio di opposizione allo stato passivo, di dare piena prova del suo credito, assolvendo il relativo onere secondo il disposto della norma generale dell’articolo 2697 c.c. attraverso la documentazione relativa allo svolgimento del conto, senza poter pretendere di opporre al curatore, stante la sua posizione di terzo, gli effetti che, ai sensi dell’articolo 1832 c.c., derivano, ma soltanto tra le parti del contratto, dall’approvazione anche tacita del conto da parte del correntista, poi fallito, e dalla di lui decadenza dalle impugnazioni (Cass. 9 maggio 2001, n. 6465; Cass. 26 gennaio 2006, n. 1543).

Una volta effettuata la produzione in discorso – e’ stato chiarito nella piu’ recente delle decisioni menzionate – scatta per il curatore, eseguite le verifiche di sua competenza, l’onere di sollevare specifiche contestazioni in relazione a determinate poste, in presenza delle quali la banca ha, a sua volta, l’onere ulteriore di integrare la documentazione, o comunque la prova, del credito avuto riguardo alle contestazioni in parola.

Va da se’ che il giudice di merito, nel fondare la propria decisione sull’omessa produzione integrale degli estratti conto, ha deciso in conformita’ alla giurisprudenza di questa Corte, mentre la decisione adottata non e’ punto scalfita dai motivi proposti, dai quali anzi emerge la conferma dell’omessa produzione di detta documentazione, se non in relazione ad una parte dello svolgersi del rapporto. Ed a fronte di cio’ tutti e tre i motivi altro non fanno che censurare il governo del materiale istruttorio operato dal giudice di merito in armonia con la menzionata giurisprudenza di legittimita’.

4. – Nulla per le spese. Sussistono i presupposti per il raddoppio del contributo unificato.

P.Q.M.

rigetta il ricorso; ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, dichiara che sussistono i presupposti per il versamento, a carico della parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.