Fallimento reclamo fatti sopravvenuti

45

nel giudizio di reclamo avverso la sentenza dichiarativa di fallimento hanno rilievo esclusivamente i fatti esistenti al momento della sua decisione, e non quelli sopravvenuti, perche’ la pronuncia di revoca del fallimento, cui il reclamo tende, presuppone l’acquisizione della prova che non sussistevano i presupposti per l’apertura della procedura alla stregua della situazione di fatto esistente al momento in cui essa venne aperta; ne discende che la rinuncia all’azione o desistenza del creditore istante, che sia intervenuta dopo la dichiarazione di fallimento, e’ irrilevante perche’ al momento della decisione del tribunale sussisteva ancora la sua legittimazione all’azione.

Per una più completa ricerca di giurisprudenza in materia di diritto fallimentare, si consiglia di consultare la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia di diritto fallimentare si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

I presupposti per la dichiarazione di fallimento

La (nuova) revocatoria fallimentare delle rimesse in Conto Corrente: rilevanza o meno della natura solutoria della rimessa?

Revocatoria fallimentare: elementi rilevati ai fini dell’accertamento della scientia decoctionis.

Contratto di assicurazione e dichiarazione di fallimento, con particolare riferimento all’assicurazione R.C.A.

La sorte del contratto di affitto di azienda pendente al momento della dichiarazione di fallimento.

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Ordinanza 15 marzo 2019, n. 7505

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DIDONE Antonio – Presidente

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – rel. Consigliere

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19937/2015 proposto da:

(OMISSIS), in proprio e quale socio unico e legale rappresentante della (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione, elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS), giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Fallimento (OMISSIS) S.r.l. in Liquidazione, in persona del curatore Dott.ssa (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende, giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

contro

(OMISSIS), (OMISSIS) S.p.a.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 4559/2015 della CORTE D’APPELLO di ROMA, depositata il 24/07/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 25/01/2019 dal cons. Dott. DI VIRGILIO ROSA MARIA.

La Corte:

RILEVATO

che:

La Corte d’appello di Roma, con sentenza del 1- 24 giugno 2015, ha respinto il reclamo proposto da (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione e (OMISSIS) avverso la sentenza dichiarativa di fallimento della detta societa’, ritenendo infondati tutti i profili di reclamo e, in particolare, irrilevante la desistenza dei due creditori istanti avvenuta nel giudizio di reclamo, in quanto intervenute dopo la dichiarazione di fallimento e quindi inidonee, a determinarne la revoca, e che comunque permaneva lo stato di insolvenza.

Ricorre (OMISSIS), in proprio, quale “socio unico assegnatario/accollante in data 30/12/2013, a seguito della cancellazione di (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione, dei debiti esistenti a detta data e con il trasferimento dei crediti in suo favore risultanti dal bilancio della medesima societa’”, e quale legale rappresentante della (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione, sulla base di un unico motivo. Si difende con controricorso il Fallimento.

CONSIDERATO

che:

Con l’unico motivo di ricorso, i ricorrenti si dolgono della violazione e/o falsa applicazione della L. Fall., articoli 6 e 18: deducono e fanno valere l’effetto devolutivo pieno del reclamo e sostengono che la permanenza del requisito processuale di cui alla L. Fall., articolo 6 deve sussistere anche durante la fase del reclamo, per costituire l’antecedente logico-giuridico della dichiarazione di fallimento.

Il motivo e’ infondato, alla stregua del principio, costantemente affermato, secondo il quale nel giudizio di reclamo avverso la sentenza dichiarativa di fallimento hanno rilievo esclusivamente i fatti esistenti al momento della sua decisione, e non quelli sopravvenuti, perche’ la pronuncia di revoca del fallimento, cui il reclamo tende, presuppone l’acquisizione della prova che non sussistevano i presupposti per l’apertura della procedura alla stregua della situazione di fatto esistente al momento in cui essa venne aperta; ne discende che la rinuncia all’azione o desistenza del creditore istante, che sia intervenuta dopo la dichiarazione di fallimento, e’ irrilevante perche’ al momento della decisione del tribunale sussisteva ancora la sua legittimazione all’azione (cosi’ le pronunce 19682/2017 e 16180/2017, tra le altre).

Va pertanto respinto il ricorso; le spese del giudizio, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte respinge il ricorso; condanna i ricorrenti alle spese, liquidate in Euro 5.000,00, oltre Euro 200,00 per esborsi; oltre spese forfettarie ed accessori di legge.

Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.