Giudizio di devoluzione e affrancazione del fondo enfiteutico

66

La devoluzione del fondo enfiteutico puo’ essere separatamente richiesta nei confronti di ciascuno dei coenfiteuti, con la conseguenza che la pronuncia di devoluzione non si estende all’enfiteuta che non fu parte nel giudizio e non pregiudica i suoi diritti sull’intero fondo. Tanto nei giudizi di devoluzione che in quelli di affrancazione non ricorre alcuna ipotesi di litisconsorzio necessario per il motivo che la sentenza emessa nei confronti di alcuni tra i concessionari o nei confronti di alcuni tra i concedenti e’ utilmente data nei limiti delle rispettive quote. Soltanto per il caso che si voglia l’affrancazione dell’intero fondo appartenente a piu’ concedenti sara’ necessario convenire in giudizio tutti questi ultimi per il motivo che deriva dal contenuto della pretesa, diversa dalla affrancazione pro quota di cui dell’articolo 971 c.c., comma 5.

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Ordinanza 19 ottobre 2018, n. 26520

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GIUSTI Alberto – Presidente

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere

Dott. OLIVA Stefano – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3268/2015 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) ((OMISSIS)) e (OMISSIS) ((OMISSIS));

– intimati –

avverso la sentenza n. 121/2014 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO, depositata il 24/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 20/07/2018 dal Consigliere Dott. STEFANO OLIVA.

FATTI DI CAUSA

Con atto di citazione del 3.5.2000 (OMISSIS) evocava in giudizio innanzi il Tribunale di Castrovillari (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS), esponendo che:

– con atto del notaio (OMISSIS) in data 24.5.1879 (OMISSIS) aveva donato alla figlia (OMISSIS), in vista del matrimonio di costei con (OMISSIS), un fondo rustico sito nel territorio del Comune di (OMISSIS), precisando che esso doveva essere depurato di due canoni enfiteutici, l’uno in favore degli eredi di (OMISSIS) e l’altro in favore degli eredi di (OMISSIS);

– con atto del notaio (OMISSIS) in data 11.5.1930 (OMISSIS), marito di (OMISSIS), nel frattempo deceduta, e i figli avevano venduto il fondo, sempre gravato dai due canoni enfiteutici, ai coniugi (OMISSIS) e (OMISSIS);

– a costoro erano poi succeduti, mortis causa ed in forza di divisioni e cessioni intervenute tra i coeredi, i figli (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) e la moglie di quest’ultimo (OMISSIS);

– l’attore era avente causa degli eredi di (OMISSIS), per essere a costoro succeduti prima (OMISSIS), poi il nipote (OMISSIS), quindi la figlia di questo (OMISSIS), poi la sorella (OMISSIS) ed infine l’attore stesso, figlio di quest’ultima;

– nonostante i solleciti, i convenuti non avevano provveduto al pagamento del canone enfiteutico ne’ al miglioramento del terreno gravato dal diritto reale, tanto che lo stesso era stato devastato da un incendio.

Su tali premesse, l’attore invocava l’accertamento dell’esistenza dell’enfiteusi e dell’inadempimento dei convenuti, nonche’ la devoluzione del fondo.

Si costituivano in giudizio (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS), contestando l’esistenza del diritto di enfiteusi e chiedendo pertanto in via riconvenzionale l’accertamento della loro proprieta’ esclusiva sul terreno de quo ovvero, in subordine, l’affrancazione del diritto reale.

Dichiarata la contumacia di (OMISSIS), la causa veniva istruita e decisa con sentenza n. 130/06, con la quale il Tribunale respingeva la domanda poiche’ l’attore non aveva fornito la prova dell’esistenza del diritto reale di enfiteusi gravante sul terreno.

Interponeva appello (OMISSIS). All’udienza del 10.10.2006 la difesa dell’appellante deduceva di aver svolto indagini, dopo aver rilevato che la notificazione dell’atto di appello diretta ad (OMISSIS) non era andata a buon fine e che, all’esito, aveva appreso che la persona convenuta in giudizio in prime cure era un omonimo di quella cui avrebbe dovuto essere rivolta la notificazione dell’atto di citazione introduttivo; invocava quindi la nullita’ del procedimento e la remissione degli atti al primo giudice. La Corte catanzarese, senza pronunciarsi su tale eccezione, disponeva l’integrazione del contraddittorio nei confronti di (OMISSIS).

Dopo l’interruzione del processo a seguito della morte di (OMISSIS) e la sua riassunzione ad opera dell’appellante, il giudizio perveniva alla decisione e la Corte territoriale, con la sentenza oggi impugnata n. 121/2014, rigettava il gravame confermando la sentenza appellata, in quanto l’appellante non aveva prodotto in atti del giudizio il titolo dal quale il diritto di enfiteusi traeva origine, tale non essendo ne’ l’atto del notaio (OMISSIS) in data 24.5.1879, ne’ quello del notaio (OMISSIS) in data 11.5.1930, che del diritto di cui sopra facevano semplicemente menzione.

Propone ricorso per la cassazione di detta decisione (OMISSIS) affidandosi ad un unico motivo. (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) ((OMISSIS)) e (OMISSIS) ((OMISSIS)) non hanno svolto attivita’ difensiva in questo grado e sono rimasti intimati. Il P.G. ha concluso per l’accoglimento del ricorso. Il ricorrente ha depositato memoria.

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo, il ricorrente lamenta la violazione e falsa applicazione degli articoli 101, 102 e 354 c.p.c., nonche’ l’omessa motivazione su un punto decisivo della controversia in relazione all’articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5, in quanto la Corte di Appello avrebbe erroneamente omesso di rilevare la nullita’ della notificazione dell’atto di citazione introduttivo del giudizio nei confronti del litisconsorte necessario (OMISSIS) (classe (OMISSIS)) e di dichiarare, di conseguenza, la nullita’ della sentenza di primo grado. Ad avviso del ricorrente, la Corte territoriale non avrebbe dovuto limitarsi a concedere un termine per rinnovare la notificazione dell’atto di appello ad (OMISSIS), ma prendere atto che il giudizio di prime cure si era svolto nei confronti di un soggetto diverso, omonimo di quello che avrebbe dovuto essere formalmente convenuto in iure, e quindi dichiarare la nullita’ dell’intero procedimento restituendo gli atti al primo giudice, trattandosi di ipotesi di litisconsorzio necessario.

Il motivo e’ infondato.

Ed invero, fermo restando il principio secondo cui in ipotesi di litisconsorzio necessario la mancata evocazione in giudizio di un soggetto che avrebbe avuto titolo di parteciparvi costituisce motivo di nullita’ della sentenza ed impone al giudice di appello di restituire gli atti al giudice di primo grado ai sensi dell’articolo 354 c.p.c., occorre rilevare che nel caso di specie non sussiste alcuna ipotesi di litisconsorzio necessario.

Infatti “La devoluzione del fondo enfiteutico puo’ essere separatamente richiesta nei confronti di ciascuno dei coenfiteuti, con la conseguenza che la pronuncia di devoluzione non si estende all’enfiteuta che non fu parte nel giudizio e non pregiudica i suoi diritti sull’intero fondo. Tanto nei giudizi di devoluzione che in quelli di affrancazione non ricorre alcuna ipotesi di litisconsorzio necessario per il motivo che la sentenza emessa nei confronti di alcuni tra i concessionari o nei confronti di alcuni tra i concedenti e’ utilmente data nei limiti delle rispettive quote. Soltanto per il caso che si voglia l’affrancazione dell’intero fondo appartenente a piu’ concedenti sara’ necessario convenire in giudizio tutti questi ultimi per il motivo che deriva dal contenuto della pretesa, diversa dalla affrancazione pro quota di cui dell’articolo 971 c.c., comma 5” (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 323 del 02/02/1973, Rv. 362241).

La Corte di Appello, quindi, non avrebbe neppure dovuto concedere il termine per rinnovare la notificazione dell’atto di appello ad (OMISSIS), stante la non indispensabilita’ della sua partecipazione al giudizio.

Da quanto precede discende il rigetto del ricorso. Nulla per le spese, in difetto di costituzione degli intimati.

Poiche’ il ricorso per cassazione e’ stato proposto dopo il 30 gennaio 2013 ed e’ rigettato, si ravvisano le condizioni per dare atto, ai sensi della L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, che ha aggiunto il comma 1-quater del Testo Unico di cui al Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, della sussistenza dell’obbligo di versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

P.Q.M.

la Corte rigetta il ricorso.

Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1-quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.