Incidenti stradali rapporto di polizia

1

il rapporto di polizia fa piena prova, fino a querela di falso, solo delle dichiarazioni delle parti e degli altri fatti che il pubblico ufficiale attesti come avvenuti in sua presenza, mentre, per quanto riguarda le altre circostanze di fatto che egli segnali di avere accertato nel corso dell’indagine, per averle apprese da terzi o in seguito ad altri accertamenti, il verbale, per la sua natura di atto pubblico, ha pur sempre un’attendibilita’ intrinseca che puo’ essere infirmata solo da una specifica prova contraria.

Per ulteriori approfondimenti in materia di Responsabilità Civile Auto si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La disciplina del Fondo di Garanzia delle Vittime della Strada ai sensi del D. Lvo 209/2005.

Natura della procedura di indennizzo diretto ex art. 149 D. Lvo n. 209/2005

Le azioni a tutela del terzo trasportato ai sensi del Codice delle Assicurazioni Private (D.L.vo n. 209/2005)

Per ulteriori approfondimenti in merito al contratto di assicurazione si cosiglia la lettura dei seguenti articoli:

Il contratto di assicurazione principi generali

L’assicurazione contro i danni e l’assicurazione per la responsabilità civile.

L’assicurazione sulla vita (c.d. Polizza vita)

Corte di Cassazione|Sezione 6 3|Civile|Ordinanza|25 settembre 2019| n. 23903

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCODITTI Enrico – Presidente

Dott. SCRIMA Antonietta – rel. Consigliere

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere

Dott. PELLECCHIA Antonella – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2442-2018 proposto da:

(OMISSIS), considerata domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) SPA, in persona del Procuratore speciale (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 808/2017 del TRIBUNALE di PORDENONE, depositata il 2/11/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 28/03/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIETTA SCRIMA.

FATTI DI CAUSA

(OMISSIS) convenne in giudizio, dinanzi al Giudice di pace di Pordenone, il Fallimento (OMISSIS) S.p.a. e la compagnia assicuratrice di quest’ultima societa’ per la r.c.a., la (OMISSIS) (poi (OMISSIS) S.p.a.), chiedendo la condanna dei convenuti, in solido, al risarcimento di tutti i danni dall’attrice asseritamente subiti a seguito del sinistro stradale occorsole in data 22 giugno 2007. Dedusse la (OMISSIS) che, mentre percorreva in bicicletta la pista ciclabile di (OMISSIS), era stata urtata dall’autocarro Ford Transit targato (OMISSIS), condotto da (OMISSIS) e di proprieta’ della (OMISSIS) S.p.a..

Con ordinanza di data 14 dicembre 2012, il Giudice adito dichiaro’ l’improcedibilita’ dell’azione nei confronti del Fallimento (OMISSIS) S.p.a. e condanno’ l’attrice alla rifusione delle spese di lite in favore della Curatela; il giudizio, pertanto, prosegui’ nei confronti della compagnia assicuratrice, la quale si era costituita in giudizio contestando integralmente nell’an e nel quantum la pretesa dell’attrice.

Con sentenza n. 453/2015, depositata in data 7 ottobre 2015, il Giudice di prime cure rigetto’ la domanda e compenso’ le spese di lite.

Avverso tale sentenza (OMISSIS) propose gravame del quale chiese il rigetto la (OMISSIS) S.p.a..

Il Tribunale di Pordenone, con sentenza n. 808/2017, pubblicata il 2 novembre 2017, rigetto’ l’appello e condanno’ l’appellante alla rifusione, in favore dell’appellata, delle spese di quel grado e, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, dichiaro’ la sussistenza dei presupposti per il versamento dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per l’introduzione del presente giudizio, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis.

Avverso la sentenza del Tribunale (OMISSIS) ha proposto ricorso per cassazione, basato su due motivi e illustrato da memoria, cui ha resistito (OMISSIS) S.p.a. con controricorso.

La proposta del relatore e’ stata ritualmente comunicata, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio, ai sensi dell’articolo 380 bis c.p.c..

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il Collegio ha disposto la redazione dell’ordinanza con motivazione semplificata.

2. Il primo motivo e’ cosi’ rubricato. “Violazione e/o falsa dell’articolo 116 c.p.c. e articoli 2669, 2700, 2697 e 2043 c.c., con riferimento all’articolo 360 c.p.c., n. 3”.

Come sinteticamente indicato dalla stessa ricorrente (v. ricorso p. 2), con il mezzo all’esame, “Viene censurata la sentenza impugnata del Tribunale di Pordenone nella parte in cui esclude che il danneggiato abbia fornito la prova della sussistenza dei fatti costitutivi della fattispecie illecita (articoli 2697 e 2043 c.c.), contestando al giudice del secondo grado di aver fatto uso, per rigettare la svolta domanda, di parti del verbale degli agenti accertatori prive di ogni rilevanza probatoria privilegiata, nonche’ affette da errori presupposti che ne ostacolano in ogni caso la loro utilizzabilita’ in sede processuale (articoli 2669, 2700 c.c.)”.

3. Con il secondo motivo, rubricato “Violazione e/o falsa degli articoli 2697 e 2043 c.c., con riferimento all’articolo 360 c.p.c., n. 3”, come pure in sintesi indicato dalla stessa ricorrente (v. ricorso p. 2), “Viene censurata la sentenza impugnata del Tribunale di Pordenone nella parte in cui esclude l’utilizzabilita’ delle deposizioni dei testi di parte attrice escussi nel corso del primo grado di giudizio, stante il contenuto (inutilizzabile per le ragioni sopra indicate e sotto meglio specificate (nel ricorso)) del verbale degli agenti accertatori. Si espongono le ragioni per cui, una volta… tolto ogni valore probatorio al verbale degli accertatori, la causa avrebbe dovuto essere decisa solamente sulla base delle deposizioni dei testi di parte attrice”.

4. I due motivi, che ben possono essere unitariamente esaminati, sono inammissibili.

Essi tendono, in sostanza, ad una rivalutazione del merito, inammissibile in questa sede. Ed invero, con la proposizione del ricorso per cassazione, il ricorrente non puo’ rimettere in discussione, contrapponendone uno difforme, l’apprezzamento in fatto dei giudici del merito, tratto dall’analisi degli elementi di valutazione disponibili ed in se’ coerente; l’apprezzamento dei fatti e delle prove, infatti, e’ sottratto al sindacato di legittimita’, dal momento che nell’ambito di detto sindacato, non e’ conferito il potere di riesaminare e valutare il merito della causa, ma solo quello di controllare, sotto il profilo logico formale e della correttezza giuridica, l’esame e la valutazione fatta dal giudice di merito, cui resta riservato di individuare le fonti del proprio convincimento e, all’uopo, di valutare le prove, controllarne attendibilita’ e concludenza e scegliere, tra le risultanze istruttorie, quelle ritenute idonee a dimostrare i fatti in discussione (v., ex plurimis, Cass. 2/08/2016, n. 16056; Cass. 21/09/2015, n. 18484; Cass., ord., 6 aprile 2011, n. 7921; Cass., 28 luglio 2005, n. 15805).

Nella specie, l’accertamento di fatto operato dal Tribunale risulta sorretto da motivazione immune da vizi. Inoltre, se e’ pur vero che questa Corte ha piu’ volte affermato il principio secondo cui il rapporto di polizia fa piena prova, fino a querela di falso, solo delle dichiarazioni delle parti e degli altri fatti che il pubblico ufficiale attesti come avvenuti in sua presenza, mentre, per quanto riguarda le altre circostanze di fatto che egli segnali di avere accertato nel corso dell’indagine, per averle apprese da terzi o in seguito ad altri accertamenti, il verbale, per la sua natura di atto pubblico, ha pur sempre un’attendibilita’ intrinseca che puo’ essere infirmata solo da una specifica prova contraria (Cass. 6/10/2016, n. 20025; Cass. 9/09/2008, n. 22662; v. pure Cass. 15/02/2006, n. 3282), tuttavia, nella specie, contrariamente all’assunto della ricorrente, non puo’ sostenersi, alla luce della motivazione della sentenza impugnata (v. in particolare p. 4), che il Tribunale abbia attribuito al verbale redatto dalla Polizia Municipale valore di fede privilegiata, risultando, invece, tale atto essere stato liberamente valutato dal Giudice del merito, sicche’ le censure veicolate sul punto con il primo motivo sono inammissibili per estraneita’ alla ratio decidendi.

Le doglianze della ricorrente non si confrontano con la decisione impugnata neppure laddove, in ricorso, si sostiene che non si sarebbe dovuto tener conto delle dichiarazioni rese alla Polizia Municipale dalla (OMISSIS), non essendo quest’ultima lucida al momento in cui le rendeva per aver assunto, successivamente al sinistro, due anestetici; tale “affermazione della difesa attorea”, infatti, e’ stata ritenuta dal Tribunale “priva di pregio (oltre che sfornita di prova)” e la motivazione del Giudice di secondo grado al riguardo non risulta specificamente censurata in questa sede.

Infine, non sussistono le lamentate violazioni di legge, evidenziandosi che la violazione dell’articolo 2697 c.c., si configura soltanto nell’ipotesi in cui il giudice abbia attribuito l’onere della prova ad una parte diversa da quella su cui esso avrebbe dovuto gravare secondo le regole di scomposizione delle fattispecie basate sulla differenza tra fatti costitutivi ed eccezioni e che il Giudice, nel valutare le prove proposte dalle parti, ben puo’ attribuire maggior forza di convincimento ad alcune piuttosto che ad altre, essendo tale attivita’ consentita dall’articolo 116 c.p.c., (v. Cass., sez. un., 5/08/2016, n. 16598; Cass. 10/06/2016, n. 11892; Cass., ord., 23/10/2018, n. 26769).

5. Il ricorso va, pertanto, dichiarato inammissibile.

6. Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.

7. Va dato atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento, in favore della controricorrente, delle spese del presente giudizio di legittimita’, che liquida in Euro 2.300,00 per compensi, oltre alle spese forfetarie nella misura del 15%, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 ed agli accessori di legge; ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17, da’ atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis.

Motivazione semplificata.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.