Responsabilità del caching Decreto Legislativo n. 70/2003 articolo 15

0

Nell’ambito dei servizi della societa’ dell’informazione, la responsabilita’ del cd. caching, prevista dal Decreto Legislativo n. 70 del 2003, articolo 15, sussiste in capo al prestatore dei servizi che non abbia provveduto alla immediata rimozione dei contenuti illeciti, pur essendogli cio’ stato intimato dall’ordine proveniente da un’autorita’ amministrativa o giurisdizionale.

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Sentenza 19 marzo 2019, n. 7709

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco A. – Presidente

Dott. MARULLI Marco – Consigliere

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 16652/2015 proposto da:

(OMISSIS) S.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati (OMISSIS), giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) S.r.l., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati (OMISSIS), giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 11295/2014 del TRIBUNALE di MILANO, pubblicata il 25/09/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 21/02/2019 dal cons. Dott. NAZZICONE LOREDANA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DE RENZIS Luisa, che ha concluso per l’accoglimento;

uditi, per la ricorrente, gli Avvocati (OMISSIS) che hanno chiesto l’accoglimento;

uditi, per la controricorrente, gli Avvocati (OMISSIS) che hanno chiesto il rinvio alla Corte di Giustizia.

FATTI DI CAUSA

Con sentenza del 25 settembre 2014, n. 11295, il Tribunale di Milano ha respinto la domanda, proposta da (OMISSIS) s.p.a. contro (OMISSIS) s.p.a., volta all’accertamento della violazione dell’inibitoria, concessa dallo stesso Ufficio con la sentenza del 9 settembre 2011, relativa all’ulteriore diffusione sul proprio “portale video” di filmati tratti da vari programmi televisivi in titolarita’ dei (OMISSIS) s.p.a., quale produttore di opere audiovisive e di sequenze di immagini in movimento su cui vanta diritti esclusivi ed esercente l’attivita’ di emissione radiofonica o televisiva, inibendone la diffusione, con le domande accessorie.

Ha disatteso, altresi’, le domande subordinate, volte all’accertamento della condotta illecita di diffusione, mediante il servizio denominato (OMISSIS), attraverso i meccanismi di linking, embedding e suggest search, di contenuti protetti dai diritti esclusivi di privativa industriale e diritti autoriali connessi, all’inibitoria ed diverndndzione dell’ordine di disabilitazione all’accesso, oltre alla condanna al risarcimento del danno, al pagamento di una penale per ogni violazione e per ogni giorno di protrazione dell’illecito ed alla pubblicazione su quotidiani o periodici.

Ha ritenuto il Tribunale che il servizio (OMISSIS) sia del tutto distinto da quello inizialmente svolto di (OMISSIS) video, in quanto riconducibile alla mera attivita’ di caching regolata dal Decreto Legislativo 9 aprile 2003, n. 70, articolo 15 e che le condizioni di esenzione da responsabilita’ del prestatore dei servizi siano state rispettate.

La Corte d’appello di Milano, adita dalla soccombente, con ordinanza del 24 aprile 2015 resa ai sensi dell’articolo 348-bis c.p.c. ha dichiarato inammissibile l’impugnazione.

Propone ricorso avverso la decisione di primo grado, ai sensi dell’articolo 348-ter c.p.c., (OMISSIS) s.p.a., sulla base di cinque motivi.

Resiste con controricorso l’intimata.

Le parti hanno depositato le memorie di cui all’articolo 378 c.p.c..

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. – Il ricorso articola avverso la sentenza impugnata cinque motivi d’impugnazione, che possono essere come di seguito riassunti:

1) violazione e falsa applicazione degli articoli 2043 ss., 2598 e 2599 c.c., articoli 78-ter, 79, 156, 163 e 169 L. aut., articolo 20 c.p.i., Decreto Legislativo 9 aprile 2003, n. 70, articoli 14, 15, 16 e 17, articoli 12, 13, 14 e 15 direttiva 2000/31/CE e considerando 42-45, per avere il tribunale ritenuto trattarsi di lecita attivita’ di ottimizzazione del servizio di ricerca.

Invece, la figura del caching e la relativa responsabilita’ sono ben delineate dalle norme richiamate, le quali prevedono, in primo luogo, limitate offerte del gestore e, in secondo luogo ed in collegamento con quelle, specifiche esenzioni da responsabilita’, altrimenti regolata dalle norme comuni, solo per il prestatore di servizi che non eserciti “l’autorita’ o il controllo” sulle informazioni memorizzate, nozioni per le quali il tribunale avrebbe dovuto fare corretto riferimento al considerando 42 della direttiva, che si riferisce a colui che abbia un ruolo meramente “tecnico, automatico e passivo”, onde egli “non conosce ne’ controlla le informazioni trasmesse o memorizzate”.

Al contrario, nella specie si e’ in presenza non di mero caching legittimo, quale archiviazione temporanea di informazioni in rete, reso dal motore di ricerca mediante il linking (semplice offerta di collegamenti ipertestuali), ma anche delle ulteriori attivita’ di embedding (che permette di visionare un brano audiovisivo restando fisicamente connesso al portale (OMISSIS)), di preview (che permette di vedere piccole porzioni dei contenuti ricercati in anteprima), del suggest search (suggerimenti di ricerca) e dei video correlati, esulanti dal primo e mediante i quali (OMISSIS) s.p.a. compie un intervento selettivo dei contenuti, per nulla transitorio e necessario alla normale operativita’ del motore di ricerca (criterio discriminante, secondo la giurisprudenza comunitaria), perdendo ogni neutralita’ e nei quali si ravvisa il controllo dei dati: ed invece ritenuti dal tribunale pertinenti ad una normale e lecita attivita’ di ottimizzazione del servizio di ricerca, per non aver considerato rilevanti anche le condizioni della mancanza di conoscenza, controllo e modifica delle informazioni;

2) violazione e falsa applicazione degli articoli 2043 ss., 2055, 2082, 2598 e 2599 c.c., articoli 70 e 156 ss. L. aut., Decreto Legislativo n. 70 del 2003, articoli 15 – 17, articolo 1315 direttiva 2000/31/CE, perche’, anche a volere seguire la tesi della sentenza impugnata, secondo cui il prestatore del servizio avrebbe fornito una mera attivita’ neutrale di caching, quando pero’, reso edotto di specifici contenuti illeciti, non li ha rimossi, non si parla piu’ di un generale ed insussistente obbligo di vigilanza preventiva, ma della violazione dell’obbligo di ponderare la richiesta ricevuta dal terzo titolare del diritto, assumendone le conseguenze, quale imprenditore ex articolo 2082 c.c., in termini di responsabilita’, ove la richiesta sia fondata ed egli non si sia attivato per rimuovere i contenuti illeciti, dovendo essere perfettamente in grado di valutare i limiti ex articolo 70 L. aut. per il libero utilizzo; onde ha errato il tribunale nel ritenere il prestatore del servizio tenuto solo a “passare le carte” alla pubblica autorita’;

3) violazione e falsa applicazione degli articoli 1219, 1337 e 1338 c.c., Decreto Legislativo 9 aprile 2003, n. 70, articoli 15 – 17, articoli 13-15 direttiva 2000/31/CE, avendo errato la sentenza impugnata a ritenere che la diffida stragiudiziale non sarebbe stata idonea a fondare l’obbligo di controparte di rimuovere i contenuti illeciti, in quanto non sufficientemente specifica nell’indicare i singoli filmati mediante il loro posizionamento tramite gli “urls” dei video; e cio’, sebbene tali elementi siano stati anche indicati con l’atto di citazione introduttivo: ma si tratta di onere non desumibile dalle norme, potendo la costituzione in mora non rivestire forma solenne e comunque sussistendo l’altrui responsabilita’ anche per la mera conoscibilita’ dell’illecito contenuto dei video;

4) violazione dell’articolo 112 c.p.c. per omessa pronuncia sul fatto che perlomeno la precedente sentenza n. 10893/2011 e la domanda giudiziale proposta nel 2012 fossero idonee ad integrare l’altrui dovere di attivarsi;

5) violazione dell’articolo 112 c.p.c. per omessa pronuncia sulla domanda volta ad ordinare alla controparte la disabilitazione o deindicizzazione all’accesso a tutti i siti internet estranei ad essa attrice: domanda che, peraltro, una volta affermata l’idoneita’ dell’azione giudiziale (se non a mettere in mora controparte, almeno) ad ottenere l’intervento dell’autorita’, non avrebbe potuto essere disattesa.

2. – Il primo motivo e’ infondato.

La sentenza impugnata ha esaminato l’ampio materiale probatorio, giungendo alla conclusione secondo cui il ruolo del prestatore dei servizi nella specie non ha varcato i limiti della prestazione di mero caching.

Essa ha, invero, affermato che il servizio di ricerca denominato (OMISSIS), che costituisce il contestato veicolo per l’abusiva diffusione dei filmati segnalati da (OMISSIS) s.p.a., si limita a svolgere la funzione di semplice “motore di ricerca”, consistente nel “cercare e organizzare in un elenco i siti pertinenti ai criteri di ricerca indicati dall’utente interrogante fornendo i link che consentono la connessione con ciascuno di essi.

Per svolgere tale attivita’ il motore di ricerca procede ad eseguire una copia di ogni sito che viene memorizzata temporaneamente in una cache, attivita’ che consente di fornire per le chiavi di ricerca piu’ frequentemente utilizzate i risultati della ricerca stessa in tempi estremamente rapidi.

Tale “memorizzazione automatica, intermedia e temporanea” delle informazioni – eseguita “al solo scopo di rendere piu’ efficace il successivo inoltro ai destinatari a loro richiesta” – caratterizza dunque ai sensi del Decreto Legislativo n. 70 del 2003, articolo 15 l’attivita’ in questione”.

Ha aggiunto che, nella predetta funzione, e’ rispettata la condizione che il prestatore del servizio non modifichi le informazioni e che sia rimasto in una situazione di neutralita’.

Cio’, anche quanto alle attivita’ diverse dal mero linking segnalate dall’attrice: e cioe’ l’embedding, quale strumento che consente all’utente di visionare direttamente sul motore di ricerca (OMISSIS) immagini presenti su siti di terzi, ed il suggest search, che offre suggerimenti per completare automaticamente le chiavi della ricerca sulla base delle combinazioni piu’ utilizzate dal complesso degli utenti.

Entrambe giudicate come non derogare le condizioni di neutralita’, fondate sul carattere automatico e temporaneo della memorizzazione delle immagini presenti sui siti di terzi, non essendo allegato e provato nessun intervento da parte della odierna controricorrente su tali informazioni, al di la’ di una piu’ efficiente modalita’ di ricerca dei contenuti, che non travalicano la posizione di neutralita’ del prestatore del servizio.

Ha, quindi, ribadito che l’attrice non ha fornito nessuna prova circa l’assunto dello svolgimento di un ruolo non neutrale rispetto ai contenuti evidenziati nei risultati della ricerca.

Ha concluso che il servizio svolto si inquadra in pieno nell’esenzione stabilita dal Decreto Legislativo n. 70 del 2003, articolo 15.

Orbene, reputa il collegio che la realta’ concreta – cosi’ come ricostruita dall’esame compiuto dal tribunale, in base alla sua prudente valutazione circa l’interferenza e l’apporto della condotta del prestatore del servizio con riguardo al finali contenuti digitali diffusi sia stata correttamente sussunta nella fattispecie della norma menzionata, non avendo il giudice del merito errato nella riconduzione di tali elementi fattuali, oggetto del suo prudente accertamento, all’interno della categoria normativa predetta, con conseguente rigetto del motivo.

3. – I rimanenti motivi debbono essere trattati congiuntamente, in quanto il percorso logico del loro esame e’ il medesimo.

3.1. – Il Decreto Legislativo n. 70 del 2003, articolo 15, che ricalca l’articolo 13 della direttiva 2000/31/CE, si occupa della prestazione del servizio della societa’ dell’informazione consistente nel cd. caching, ovvero “trasmettere, su una rete di comunicazione, informazioni fornite da un destinatario del servizio”, mediante la “memorizzazione automatica, intermedia e temporanea di tali informazioni effettuata al solo scopo di rendere piu’ efficace il successivo inoltro ad altri destinatari a loro richiesta”.

Il cacher e’ esonerato dalla responsabilita’ per i contenuti immessi da altri, qualora:

a) “non modifichi le informazioni”, divenendo allora concorrente attivo;

b) “si conformi alle condizioni di accesso alle informazioni”, quindi ad esempio ometta di rendere disponibili al pubblico nella memoria cache delle informazioni che invece non sono tali nel sito di provenienza;

c) “si conformi alle norme di aggiornamento delle informazioni”, secondo le regole del settore;

d) “non interferisca con l’uso lecito di tecnologia riconosciuta ed utilizzata nel settore per ottenere dati sull’impiego delle informazioni”;

e) “agisca prontamente per rimuovere le informazioni che ha memorizzato, o per disabilitare l’accesso, non appena venga effettivamente a conoscenza del fatto che le informazioni sono state rimosse dal luogo dove si trovavano inizialmente sulla rete o che l’accesso alle informazioni e’ stato disabilitato oppure che un organo giurisdizionale o un’autorita’ amministrativa ne ha disposto la rimozione o la disabilitazione”, provvedendo, dunque, a cancellare i documenti dal medesimo archiviati in memoria, qualora essi siano stati rimossi dal sito di provenienza, l’accesso sia stato disabilitato ad opera del titolare, o sia intervenuto un provvedimento giurisdizionale o amministrativo ad ordinare tale rimozione o disabilitazione.

Il comma 2 dell’articolo 15 attiene all’ordine dell’autorita’, rivolto direttamente al prestatore, con il quale gli venga imposto di impedire o far cessare le violazioni commesse:

“L’autorita’ giudiziaria o quella amministrativa aventi funzioni di vigilanza puo’ esigere, anche in via d’urgenza, che il prestatore, nell’esercizio delle attivita’ di cui al comma 1, impedisca o ponga fine alle violazioni commesse”.

Il regime di favore, cosi’ attuato, conduce ad un’indubbia minore responsabilita’ del prestatore rispetto alla figura del cd. hosting provider.

Al riguardo, giova ricordare il considerando 42 della direttiva, secondo cui le deroghe alla responsabilita’ stabilita dalla stessa riguardano proprio l’ipotesi in cui “l’attivita’ di prestatore di servizi della societa’ dell’informazione si limiti al processo tecnico di attivare e fornire accesso ad una rete di comunicazione sulla quale sono trasmesse o temporaneamente memorizzate le informazioni messe a disposizione da terzi al solo scopo di rendere piu’ efficiente la trasmissione.

Siffatta attivita’ e’ di ordine meramente tecnico, automatico e passivo, il che implica che il prestatore di servizi della societa’ dell’informazione non conosce ne’ controlla le informazioni trasmesse o memorizzate”.

All’attivita’ di memorizzazione temporanea detta caching sono dedicati, altresi’, i considerando 43 e 44, secondo i quali il prestatore del servizio beneficia delle deroghe di responsabilita’ quando “non e’ in alcun modo coinvolto nell’informazione trasmessa” e “non modifichi l’informazione che trasmette” (sebbene comunque tale requisito “non pregiudica le manipolazioni di carattere tecnico effettuate nel corso della trasmissione in quanto esse non alterano l’integrita’ dell’informazione contenuta nella trasmissione”) ed altresi’ non “deliberatamente collabori con un destinatario del suo servizio al fine di commettere atti illeciti”, vale a dire non ponga in essere un concorso attivo nell’illecito.

In sostanza, una netta distinzione tra i profili di responsabilita’ dell’hosting provider, da un lato, e del mero caching, dall’altro lato, permea l’intera disciplina eurounitaria, e, di conseguenza, quella nazionale.

Occorre, dunque, al riguardo enunciare il seguente principio di diritto:

“Nell’ambito dei servizi della societa’ dell’informazione, la responsabilita’ del cd. caching, prevista dal Decreto Legislativo n. 70 del 2003, articolo 15, sussiste in capo al prestatore dei servizi che non abbia provveduto alla immediata rimozione dei contenuti illeciti, pur essendogli cio’ stato intimato dall’ordine proveniente da un’autorita’ amministrativa o giurisdizionale”.

3.2. – Nella specie, il tribunale ha affermato che il prestatore non risponde, perche’ il prestatore non ha varcato i limiti della sua responsabilita’ ed ha assolto all’obbligo Decreto Legislativo n. 70 del 2003, ex articolo 17, comma 2, di trasmettere la diffida del titolare del diritto d’autore alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano, competente per le ipotesi di reato connesse all’abusiva riproduzione e diffusione di materiali oggetto di diritto d’autore (ed ha aggiunto, ad abundantiam, che la notizia contenuta in tale diffida era generica, in quanto priva delle specifiche indicazioni dei singoli filmati contestati e del loro posizionamento tramite i rispettivi “urls”).

Dunque, per quanto sopra esposto, e’ infondato il secondo motivo, con conseguente assorbimento del terzo e parzialmente del quarto motivo.

Invero, alla stregua del sistema normativo come sopra ricostruito, al prestatore del servizio che fornisca una mera attivita’ neutrale di caching la legge non richiede che, sol perche’ reso edotto di specifici contenuti illeciti con una diffida extragiudiziale o perche’ proponga una domanda giudiziale al riguardo, spontaneamente li rimuova.

Il quarto motivo e’ poi inammissibile, laddove denunzia l’omessa pronuncia circa l’ordine impartito dalla sentenza del Tribunale di Milano del 9 settembre 2011, n. 10893, ormai caducata dalla Corte d’appello di Milano con sentenza del 7 gennaio 2015, n. 38.

Infine, e’ infondato il quinto motivo, il quale denunzia la violazione dell’articolo 112 c.p.c. per omessa pronuncia sulla domanda volta ad ordinare al prestatore del servizio di disabilitare gli accessi ai contenuti illeciti, avendo al contrario il giudice del merito risposto negativamente ad essa. Il tribunale ha, infatti, esaminato anche tale domanda, laddove ha verificato l’insussistenza di una condotta illecita del prestatore del servizio di caching.

In tal modo, il tribunale ha risposto, dunque, alle domande di accertamento della illiceita’ dei contenuti e di inibitoria e disabilitazione degli stessi.

4. – Le spese vengono interamente compensate, attesa la novita’ delle questioni poste.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e compensa per intero le spese di lite.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.