Servitù esenzione passaggio coattivo

0

la disposizione dell’articolo 1051 c.c., comma 4, che esenta dal passaggio coattivo le case, i cortili, i giardini e le aie ad esse attinenti, contiene un’elencazione che trova la sua “ratio” nell’esigenza di tutelare l’integrita’ delle case di abitazione e degli accessori che le rendono piu’ comode. Per stabilire se sussistano le condizioni applicative della norma, occorre – quindi – aver riguardo alla destinazione, anche potenziale, dei fondi da asservire, per come desumibile dalla situazione dei luoghi. L’esenzione non ha carattere assoluto ma riflette solo un criterio di scelta che impone al giudice di valutare se le esigenze poste a base della richiesta di servitu’ possano essere soddisfatte mediante percorsi alternativi, tra i quali deve attribuirsi priorita’ a quelli non che non interessino le suddette aree, salvo che la situazione di interclusione non risulti altrimenti superabile. Non era quindi decisiva la presenza di alberi da frutto o la tipologia delle piante esistenti in loco, dovendosi stabilire se la porzione interessata costituisse, per la sua effettiva, un giardino o un’area area pertinenziale, rivolta a rendere piu’ comodo l’utilizzo del fabbricato adiacente, valutando, in caso affermativo, le alternative praticabili ai fini dell’individuazione del percorso da asservire.

Corte di Cassazione|Sezione 2|Civile|Ordinanza|8 agosto 2019| n. 21169

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ABETE Luigi – Presidente

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere

Dott. FORTUNATO Giuseppe – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 28773/2015 R.G., proposto da:

(OMISSIS) e (OMISSIS), rappresentati e difesi dall’avv. (OMISSIS) e dall’avv. (OMISSIS), con domicilio eletto in (OMISSIS);

– ricorrenti –

contro

(OMISSIS) e (OMISSIS), nella qualita’ di eredi di (OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza della Corte d’appello di Venezia n. 2251/2015, depositata in data 28.9.2015;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 14.03/2019 dal Consigliere Giuseppe Fortunato.

FATTI DI CAUSA

06U La Corte distrettuale di Venezia, in parziale riforma della sentenza di primo grado, ha disposto la costituzione coattiva della servitu’ di passaggio in favore dei fondi di cui al fl. (OMISSIS), mappali (OMISSIS) e (OMISSIS), ubicati in (OMISSIS), e a carico del mappale (OMISSIS), fissando un’indennita’ di asservimento pari ad Euro 9500, oltre accessori.

Per quanto ancora rileva nel presente giudizio, il giudice distrettuale, dopo aver respinto la domanda proposta da (OMISSIS), rivolta ad accertare che la predetta servitu’ era stata acquistata per destinazione del padre di famiglia, ha ritenuto che il fondo dominante fosse intercluso ed ha individuato il percorso meno pregiudizievole per il fondo servente, tenendo conto che il diritto di passaggio gia’ interessava, per un tratto, la particolo (OMISSIS) di proprieta’ di (OMISSIS) e gli eredi della (OMISSIS), non avendo questi ultimi impugnato la sentenza di primo grado.

La Corte di merito ha infine escluso che il diritto di passaggio insistesse su un’area destinata a cortile o a giardino, osservando che su di essa insistevano piante da frutto e un vigneto.

La cassazione della sentenza e’ chiesta da (OMISSIS) e (OMISSIS) sulla base di due motivi di ricorso.

Gli intimati non hanno svolto attivita’ difensiva.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo si denuncia la violazione dell’articolo 1051 c.c., comma 2, ai sensi dell’articolo 360 c.c., comma 1, n. 3, e l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5, contestando al giudice di appello di aver costituito coattivamente la servitu’ senza dare alcuna risposta ai rilievi del tecnico di parte e per aver individuato il tragitto piu’ breve per l’accesso alla via pubblica senza valutare lo stato luoghi, ma valorizzando esclusivamente l’intervenuto passaggio in giudicato del capo di pronuncia con cui il giudice di primo grado aveva accertato l’acquisto della servitu’ sui fondi di (OMISSIS) e di (OMISSIS) per destinazione del padre di famiglia.

A parere dei ricorrenti occorreva considerare la sussistenza dei vincoli di carattere urbanistico che ostavano alla realizzazione delle opere necessarie all’esercizio del diritto, senza, comunque, limitare l’indagine alle sole particoli (OMISSIS) e (OMISSIS), dato inoltre che la servitu’ oggetto del giudicato aveva interessato una ridottissima estensione del mappale (OMISSIS).

Il secondo motivo deduce la violazione dell’articolo 1051 c.c., u.c., articolo 2697 c.c., e articolo 115 c.p.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, e l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5, per aver la sentenza costituito la servitu’ sulla particolo (OMISSIS), sostenendo erroneamente che la presenza di alberi da frutto e di un vigneto escludesse l’applicabilita’ dell’esenzione prevista dall’articolo 1051 c.c., u.c..

Data la destinazione dell’area asservita, occorreva individuare eventuali percorsi alternativi e, comunque, era onere dei resistenti provare l’inesistenza di altri fondi a carico dei quali fosse possibile costituire la servitu’.

Il terzo motivo denuncia la violazione dell’articolo 132 c.p.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4, lamentando che la Corte di merito abbia aderito acriticamente alle conclusioni della consulenza tecnica, sostenendo, con motivazione a tal punto carente da ritenersi inesistente, che l’area asservita non costituisse un giardino agli effetti dell’articolo 1051 c.c., u.c., a causa della presenza di piante da frutto e di un vigneto.

2. Per ragioni di ordine logico vanno esaminati preliminarmente il secondo ed il terzo motivo di ricorso, che vanno accolti per le ragioni che seguono.

La servitu’ di passaggio e’ stata costituita coattivamente anche sulla particoli (OMISSIS), sull’assunto che il tragitto individuato dal c.t.u. fosse il piu’ breve e consentisse l’immissione diretta sul mappale (OMISSIS), gia’ gravato dalla servitu’ in favore del fondo dei resistenti in virtu’ del passaggio in giudicato del capo di pronuncia con cui il tribunale aveva accertato che il diritto su detta porzione era stato acquistato per destinazione del padre di famiglia (cfr. sentenza pag. 6).

Sebbene i ricorrenti, invocando le risultanze della perizia di parte prodotta in giudizio e degli esiti degli accertamenti del c.t.u., avessero eccepito che il transito veniva in tal modo ad insistere anche un’area destinata a giardino o a cortile pertinenziale di un fabbricato e che occorresse, pertanto, individuare eventuali percorsi alternativi, la Corte di merito si e’ limitata a sostenere che la presenza di alberi da frutto e di un vigneto rendesse inapplicabile l’esenzione contemplata dall’articolo 1051 c.c., comma 3.

Deve tuttavia ribadirsi che la disposizione dell’articolo 1051 c.c., comma 4, che esenta dal passaggio coattivo le case, i cortili, i giardini e le aie ad esse attinenti, contiene un’elencazione che trova la sua “ratio” nell’esigenza di tutelare l’integrita’ delle case di abitazione e degli accessori che le rendono piu’ comode.

Per stabilire se sussistano le condizioni applicative della norma, occorre – quindi – aver riguardo alla destinazione, anche potenziale, dei fondi da asservire, per come desumibile dalla situazione dei luoghi (Cass. 9116/2012).

L’esenzione non ha carattere assoluto ma riflette solo un criterio di scelta che impone al giudice di valutare se le esigenze poste a base della richiesta di servitu’ possano essere soddisfatte mediante percorsi alternativi, tra i quali deve attribuirsi priorita’ a quelli non che non interessino le suddette aree (Cass. 12340/2008), salvo che la situazione di interclusione non risulti altrimenti superabile (Cass. 8303/2003; Cass. 8426/1995; Cass. 6814/1988; Cass. 162/1971). Non era quindi decisiva la presenza di alberi da frutto o la tipologia delle piante esistenti in loco, dovendosi stabilire se la porzione interessata costituisse, per la sua effettiva, un giardino o un’area area pertinenziale, rivolta a rendere piu’ comodo l’utilizzo del fabbricato adiacente (Cass. 21367/1988), valutando, in caso affermativo, le alternative praticabili ai fini dell’individuazione del percorso da asservire.

Sono quindi accolti il secondo ed il terzo motivo di ricorso, con assorbimento della prima censura.

La sentenza e’ cassata in relazione ai motivi accolti, con rinvio della causa ad altra sezione della Corte d’appello di Venezia anche per la pronuncia sulle spese del presente giudizio di legittimita’.

P.Q.M.

accoglie il secondo ed il terzo motivo di ricorso, dichiara assorbito il primo, cassa la sentenza impugnata in relazione ai motivi accolti e rinvia la causa ad altra sezione della Corte d’appello di Venezia, anche per la pronuncia sulle spese del presente giudizio di legittimita’.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.