Contents

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Ordinanza 26 febbraio 2018, n. 4509

ai fini della decisione circa l’opponibilita’ al fallimento di un credito documentato con scrittura privata non di data certa, mediante la quale voglia darsi la prova del momento in cui il negozio e’ stato concluso, il giudice di merito, ove sia dedotto un fatto diverso da quelli tipizzati nell’articolo 2704 c.c., (registrazione, morte o sopravvenuta impossibilita’ fisica di uno dei sottoscrittori, riproduzione in un atto pubblico), ha il compito di valutarne, caso per caso, la sussistenza e l’idoneita’ a stabilire la certezza della data del documento, con il limite del carattere obiettivo del fatto, il quale non deve essere riconducibile al soggetto che lo invoca e deve essere, altresi’, sottratto alla sua disponibilita’.

 

Per una più completa ricerca di giurisprudenza in materia di diritto fallimentare, si consiglia di consultare la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia di diritto fallimentare si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La (nuova) revocatoria fallimentare delle rimesse in Conto Corrente: rilevanza o meno della natura solutoria della rimessa?

Revocatoria fallimentare: elementi rilevati ai fini dell’accertamento della scientia decoctionis.

Contratto di assicurazione e dichiarazione di fallimento, con particolare riferimento all’assicurazione R.C.A.

La sorte del contratto di affitto di azienda pendente al momento della dichiarazione di fallimento.

L’estensione di fallimento alle società a responsabilità limitata socie di una “società di fatto”

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Ordinanza 26 febbraio 2018, n. 4509

Integrale

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DIDONE Antonio – Presidente

Dott. FERRO Massimo – Consigliere

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere

Dott. FICHERA Giuseppe – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 19327/2012 R.G. proposto da:

(OMISSIS) s.p.a., (C.F. (OMISSIS)), in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dall’avv. (OMISSIS), elettivamente domiciliata presso lo studio dell’avv. (OMISSIS) in (OMISSIS).

– ricorrente –

contro

Fallimento di (OMISSIS), (C.F. (OMISSIS)), in persona del curatore pro tempore;

– intimato –

avverso il decreto del Tribunale di Catania depositato il giorno 10 luglio 2012, nel procedimento iscritto al n. 6531/2011 r.g.;

Sentita la relazione svolta nella camera di consiglio del 28 novembre 2017 dal Consigliere Giuseppe Fichera.

FATTI DI CAUSA

Il Tribunale di Catania, con decreto depositato il 10 luglio 2012, respinse l’opposizione allo stato passivo del fallimento di (OMISSIS), socio illimitatamente responsabile della (OMISSIS) s.n.c. di (OMISSIS) & c., promossa dalla (OMISSIS) s.p.a., sulla sua domanda di insinuazione al passivo delle somme vantate per il rimborso di un finanziamento erogato in favore del socio poi fallito.

Il tribunale ritenne che il contratto di finanziamento prodotto in giudizio risultava privo di data certa opponibile al fallimento, non essendo consentito desumerne l’effettiva formazione dalle scritture contabili esibite dall’opponente – trattandosi di documentazione anch’essa inopponibile al curatore fallimentare – e neppure accedere, a tal fine, agli atti custoditi nel fascicolo della fase di verifica dei crediti.

Avverso il detto decreto (OMISSIS) s.p.a. ha proposto ricorso per cassazione affidato a due motivi; il fallimento intimato non ha spiegato difese.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo deduce (OMISSIS) s.p.a. violazione degli articoli 2704, 2709 e 2710 c.c., della L. Fall., articoli 44, 45, 93 e 99, e degli articoli 112, 115 e 116 c.p.c., nonche’ vizio di motivazione ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5), considerato che il giudice dell’opposizione ha erroneamente ritenuto che non fosse stata fornita la prova della data certa, anteriore alla dichiarazione di fallimento, del contratto di finanziamento, nonostante la documentazione prodotta in giudizio comprovasse l’anteriorita’, rispetto al fallimento, dell’erogazione delle somme mutuate alla fallita.

Con il secondo motivo lamenta violazione degli articoli 112, 115, 116, 210 e 213 c.p.c., dell’articolo 2697 c.c., e della L. Fall., articoli 90, 93 e 99, nonche’ vizio di motivazione ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5), avendo il giudice di merito respinto, non correttamente, sia l’istanza di esibizione della documentazione bancaria attestante la consegna delle somme mutuate alla societa’ poi fallita, sia quella di acquisire il fascicolo della fase di verifica dei crediti innanzi al giudice delegato.

2. Il primo e il secondo motivo, da esaminare congiuntamente stante la stretta connessione, sono fondati nei limiti di cui si dira’.

Com’e’ noto, in sede di accertamento dello stato passivo, ai fini della decisione circa l’opponibilita’ al fallimento di un credito documentato con scrittura privata non di data certa, mediante la quale voglia darsi la prova del momento in cui il negozio e’ stato concluso, il giudice di merito, ove sia dedotto un fatto diverso da quelli tipizzati nell’articolo 2704 c.c., (registrazione, morte o sopravvenuta impossibilita’ fisica di uno dei sottoscrittori, riproduzione in un atto pubblico), ha il compito di valutarne, caso per caso, la sussistenza e l’idoneita’ a stabilire la certezza della data del documento, con il limite del carattere obiettivo del fatto, il quale non deve essere riconducibile al soggetto che lo invoca e deve essere, altresi’, sottratto alla sua disponibilita’ (Cass. 27/09/2016, n. 18938).

Ora, nella vicenda all’esame, il tribunale ha ritenuto che la data certa del contratto di finanziamento – anteriore alla dichiarazione di fallimento di una delle parti contraenti – prodotto in giudizio dall’opponente, non potesse essere ricavata dalle sue scritture contabili, ove in esse risultavano annotate le somme erogate a titolo di mutuo, affermando senz’altro l’inopponibilita’ delle dette scritture al curatore cui non si applica l’articolo 2710 c.c..

Trattasi di ragionamento errato in quanto (OMISSIS) s.p.a., attraverso le dette scritture contabili, si proponeva di dare prova non dell’entita’ del credito vantato nei confronti del socio della fallita, bensi’ di un fatto storico (l’avvenuta erogazione delle somme mutuate), da cui potere inferire, in maniera oggettiva, l’anteriorita’ del finanziamento concesso al (OMISSIS) rispetto alla sua dichiarazione di fallimento.

Parimenti erronea, poi, si mostra la decisione del giudice di merito di respingere senz’altro l’istanza, formulata gia’ nell’atto di opposizione allo stato passivo, tesa ad acquisire il fascicolo d’ufficio concernente la verifica dei crediti innanzi al giudice delegato, ove erano custodite – secondo quanto affermato dalla ricorrente -, esattamente quelle cambiali, tutte munite di bollo e di timbro postale, astrattamente idonee a dimostrare, in maniera certa, che il finanziamento fosse stato erogato al socio della societa’ poi fallita in una data precedente alla sua soggezione alla procedura concorsuale.

E invero, secondo l’orientamento piu’ recente di questa Corte, cui si intende dare piena continuita’, nel giudizio di opposizione allo stato passivo, l’opponente, a pena di decadenza L. Fall., ex articolo 99, comma 2, n. 4), deve soltanto indicare specificatamente i documenti, di cui intende avvalersi, gia’ prodotti nel corso della verifica dello stato passivo innanzi al giudice delegato, sicche’, in difetto della produzione di uno di essi, il tribunale deve disporne l’acquisizione dal fascicolo d’ufficio della procedura fallimentare ove esso e’ custodito (Cass. 18/05/2017, n. 12549).

4. In definitiva, accolti i motivi del ricorso, nei limiti di cui in motivazione, il decreto impugnato deve essere cassato, con rinvio al Tribunale di Catania, in diversa composizione, che statuira’ anche sulle spese del giudizio di legittimita’.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso; cassa il decreto impugnato in relazione ai motivi accolti e rinvia al Tribunale di Catania, in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimita’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.