Azione di riduzione legittimario rinuncia integrazione legittima

28

la conferma della disposizione testamentaria o la volontaria esecuzione di essa non opera rispetto alle disposizioni lesive della legittima, in quanto gli effetti convalidativi di cui all’articolo 590 c.c., si riferiscono alle disposizioni testamentarie nulle, mentre tali non sono quelle lesive della legittima, essendo soltanto soggette a riduzione (cioe’, suscettibili di essere dichiarate inefficaci nei limiti in cui sia necessario per integrare la quota di riserva). Pertanto, l’esecuzione volontaria di per se’ non preclude al legittimario l’azione di riduzione, salvo che egli abbia manifestato anche tacitamente la volonta’ di rinunziare all’integrazione della legittima, potendosi pero’ desumersi l’esistenza di una rinunzia tacita attraverso un complesso di elementi concordanti da cui emerga che la parte interessata abbia avuto la consapevolezza dell’esorbitanza della disposizione testamentaria dai limiti della porzione disponibile e tuttavia abbia eseguito integralmente la disposizione medesima.

Per ulteriori approfondimenti in materia di successioni e donazioni, si consigliano i seguenti articoli:

La donazione: nozione e natura giuridica

Il testamento olografo, pubblico e segreto.

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Sentenza 5 gennaio 2018, n. 168

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Presidente

Dott. ORILIA Lorenzo – Consigliere

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere

Dott. CRISCUOLO Mauro – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 14513/2012 proposto da:

(OMISSIS), (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS) giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), elettivamente domiciliati in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentati e difesi dall’avvocato (OMISSIS) in virtu’ di procura a margine del controricorso;

– controricorrenti –

e contro

(OMISSIS);

– intimata –

avverso la sentenza n. 126/2012 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE, depositata il 31/01/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 05/12/2017 dal Consigliere Dott. MAURO CRISCUOLO;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CELESTE Alberto, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l’Avvocato (OMISSIS) per il ricorrente.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato in data 16 gennaio 1999 (OMISSIS) conveniva in giudizio dinanzi al Tribunale di Lucca, (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS), quali eredi di (OMISSIS), affinche’ fosse dichiarata la nullita’ ovvero accertata la rescissione per lesione della divisione contenuta nel testamento di (OMISSIS), dichiarando pertanto che i beni relitti andavano assegnati ai due figli in quote eguali, ovvero disporre in via subordinata la riduzione delle disposizioni testamentarie, in quanto lesive della quota di legittima spettante all’attore.

Evidenziava che la madre (OMISSIS) con testamento pubblico del 16 gennaio 1991 aveva disposto dei suoi beni in favore dei figli (OMISSIS) e (OMISSIS), quest’ultimo dante causa dei convenuti, dividendo gli immobili in parti eguali, ma previa assegnazione in proprieta’ esclusiva di alcuni cespiti in favore dell’attore ed altri in favore del dante causa dei convenuti, lasciando altri beni in comunione indivisa.

Era tuttavia sorta controversia tra le parti circa la corretta interpretazione delle volonta’ testamentarie, in quanto i convenuti sostenevano che le assegnazioni dei singoli immobili si configuravano alla stregua di legati, cosi’ che l’istituzione in quote eguali tra i fratelli (OMISSIS) concerneva solo i terreni.

Ad avviso dell’attore invece, la de cuius aveva inteso, previa determinazione della quota di ognuno dei due figli in misura pari alla meta’ dell’asse relitto, predisporre una divisione testamentaria, senza che potesse avere rilievo l’utilizzo, in relazione all’assegnazione dei singoli cespiti, di espressioni quali “lascio e lego”.

Aggiungeva che in ogni caso la divisione era rescindibile ex articolo 763 c.c., comma 2, in quanto i beni attribuiti all’attore erano di valore inferiore di oltre un quarto rispetto alla quota ereditaria, deducendo altresi’, in via subordinata, che le disposizioni testamentarie avevano leso la sua quota di riserva.

I convenuti si costituivano in giudizio deducendo l’infondatezza della domanda attorea, ribadendo che le assegnazioni dei singoli immobili erano da intendersi quali legati.

All’esito dell’istruttoria, il Tribunale con la sentenza n. 601 del 10/5/2007 rigettava integralmente le domande attoree, ed a seguito di gravame proposto da (OMISSIS) e (OMISSIS), quali eredi di (OMISSIS), la Corte di Appello di Firenze, con la sentenza n. 126 del 31 gennaio 2012 rigettava l’impugnazione, confermando la sentenza impugnata.

Secondo la Corte distrettuale doveva ritenersi corretta l’interpretazione del testamento offerta dal giudice di primo grado, non potendosi accedere alla tesi dell’appellante secondo cui l’istituzione di eredi in quote eguali aveva ad oggetto l’intero patrimonio ereditario.

In realta’, laddove la testatrice aveva utilizzato le espressioni “lascio e lego ” in relazione all’attribuzione di singoli immobili, aveva effettivamente inteso prevedere dei legati, mentre l’istituzione di eredi in parti eguali tra i due fratelli si limitava unicamente all’attribuzione dei terreni. Tale conclusione era poi confermata, oltre che dal tenore letterale delle espressioni utilizzate, anche dal fatto che erano contenute in un testamento pubblico, redatto quindi con l’assistenza di un professionista da presumersi particolarmente esperto della materia successoria, dovendosi quindi escludere un utilizzo delle stesse in maniera impropria.

Inoltre non poteva condurre a conclusioni diverse la disamina delle deposizioni testimoniali, rese in maniera generica e da soggetti che erano comunque in senso lato interessati al giudizio.

Quanto alla domanda di rescissione, riteneva che la stessa non fosse meritevole di accoglimento, in quanto l’attore aveva tenuto comportamenti concludenti che implicavano l’accettazione dei legati, mentre in ordine alla dedotta lesione della quota di riserva, evidenziava che in realta’ la quota spettante all’attore era pari ad un quarto dell’asse ereditario, e non gia’ ad un terzo, come invece sostenuto in citazione, atteso che alla successione concorrevano oltre ai due germani (OMISSIS) anche il coniuge.

Ma anche in relazione all’azione di riduzione, la condotta dell’attore equivaleva ad una inequivoca rinunzia alla stessa, attesa l’esecuzione volontaria delle disposizioni testamentarie. Per la cassazione di tale pronunzia (OMISSIS) ha proposto ricorso affidato a due motivi.

(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS), quali eredi di (OMISSIS) hanno resistito con controricorso.

(OMISSIS) non ha svolto difese in questa fase.

Entrambe le parti hanno depositato memorie ex articolo 378 c.p.c., nell’imminenza dell’udienza.

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Preliminarmente occorre dare atto che le Sezioni Unite di questa Corte con la sentenza n. 10648/2017, si sono pronunziate sulla questione di massima importanza, in relazione alla quale questa Sezione con ordinanza del 31/10/2016 aveva rinviato la causa a nuovo ruolo, in attesa proprio dell’intervento delle Sezioni Unite.

In tal senso si e’ quindi affermato il principio per il quale in tema di giudizio di cassazione, deve escludersi la possibilita’ di applicazione della sanzione della improcedibilita’, ex articolo 369 c.p.c., comma 2, n. 2, al ricorso contro una sentenza notificata di cui il ricorrente non abbia depositato, unitamente al ricorso, la relata di notifica, ove quest’ultima risulti comunque nella disponibilita’ del giudice perche’ prodotta dalla parte controricorrente ovvero acquisita mediante l’istanza di trasmissione del fascicolo di ufficio.

Nella fattispecie, come si e’ evidenziato anche nella menzionata ordinanza, la questione concernente l’avvenuta notifica della sentenza gravata e’ stata posta da parte controricorrente, in assenza di qualsivoglia attestazione sul punto ad opera del ricorrente, e che la copia notificata si rinviene nella stessa produzione dei controricorrenti, il che impedisce, alla luce di quanto affermato da questa Corte nella sua piu’ autorevole composizione, che possa pronunciarsi l’improcedibilita’ del ricorso.

2. Sempre in limine litis deve essere esaminata l’eccezione di inammissibilita’ del ricorso sollevata dai resistenti in conseguenza della dedotta tardiva proposizione.

Assumono i controricorrenti che, essendo stata la sentenza impugnata notificata al difensore del ricorrente in data 29/3/2012, il termine breve per l’impugnazione veniva a scadere il 28 maggio 2012.

Ebbene, emerge dagli atti che il ricorrente presentava l’atto per la notifica ai controricorrenti proprio in data 28/5/2012, ma indicando come domicilio degli stessi quello in Firenze alla via La Pira n. 21, salvo poi, essendo il ricorso tornato inesitato con la dicitura “sconosciuto o trasferito”, provvedere ad una seconda notifica al corretto indirizzo del loro difensore in (OMISSIS), solo in data 5 giugno 2012, ben oltre quindi il termine prescritto.

Assumono altresi’ che, oltre a rientrare tra gli oneri della parte quello di verificare quale fosse l’effettivo domicilio del difensore dei controricorrenti, la corretta indicazione del recapito risultava dalla stessa notificazione della sentenza impugnata, laddove si precisava che lo studio dell’avv. (OMISSIS), difensore in sede di appello degli appellati, era in (OMISSIS). Inoltre analogo errore si era gia’ verificato nel corso del giudizio di appello, in quanto l’atto di riassunzione del giudizio era stato notificato sempre all’avv. (OMISSIS) presso il precedente indirizzo (laddove il legale si era trasferito in altro luogo gia’ a far data dal 18 gennaio 2010) con la conseguenza che la Corte d’Appello, a fronte dell’eccezione di estinzione del giudizio di appello per tardiva riassunzione, aveva disatteso la stessa dando pero’ atto in motivazione che effettivamente vi era stato un errore, ma che la notifica effettuata alle parti personalmente, attesa la loro intervenuta costituzione, impediva di poter ravvisare la compromissione del diritto di difesa.

Effettivamente, deve ritenersi che la prima notifica del ricorso tentata presso il vecchio indirizzo del difensore dei controricorrenti debba ritenersi inesistente, avendo questa Corte anche di recente ribadito che (cfr. Cassazione civile sez. 2 10 febbraio 2016 n. 2640) costituisce onere del notificante, quale adempimento preliminare agli incombenti relativi al procedimento notificatorio, accertarsi della assenza di mutamenti, riguardanti il domicilio del procuratore costituito nel giudizio, al fine di identificare correttamente il luogo della notificazione. Ricade, pertanto, sullo stesso il rischio dell’eventuale esito negativo della notificazione (e, eventualmente, della successiva intempestivita’ della notificazione medesima), fatti salvi il caso fortuito o la forza maggiore ed esclude le ipotesi in cui il richiedente non sia incorso in negligenza e il mancato perfezionamento sia dipeso esclusivamente da causa allo stesso non imputabile.

Alla luce di tali principi, e rilevato che analogo errore era stato gia’ commesso nel corso del giudizio di appello e che comunque il ricorrente era stato reso edotto dell’effettivo nuovo domicilio del difensore delle controparti in occasione della notifica della sentenza impugnata (non dovendosi altresi’ trascurare che il recapito di viale (OMISSIS) risulta anche da una stampigliatura apposta sulla prima pagina della copia della sentenza impugnata prodotta da parte ricorrente) deve altresi’ escludersi che possano essere invocati il caso fortuito o la forza maggiore onde giustificare l’errore commesso.

Tuttavia l’eccezione di inammissibilita’ non puo’ trovare accoglimento.

Trascurano infatti i controricorrenti la circostanza che il ricorso risulta avere tra i destinatari anche (OMISSIS), originariamente parte appellante, ma che non ha inteso proporre ricorso, e che la richiesta di notifica in data 28 maggio 2012, e cioe’ nel rispetto del termine perentorio previsto per la proposizione del gravame, ha interessato anche tale parte.

A tal proposito occorre quindi ricordare il costante orientamento di questa Corte (cfr. ex multis Cass. n. 18364/2013) per il quale l’omessa notifica dell’impugnazione ad un litisconsorte necessario (alla quale deve parificarsi la notifica affetta da inesistenza) non si riflette sull’ammissibilita’ o sulla tempestivita’ del gravame, che conserva, cosi’, l’effetto di impedire il passaggio in giudicato della sentenza impugnata, ma determina solo l’esigenza della integrazione del contradditorio, “iussu iudicis”, salvo che la parte abbia essa stessa provveduto ad una tardiva notifica (conf. Cass. n. 3071/2011 per la quale l’atto di impugnazione, tardivamente notificato ad alcuni dei litisconsorti riveste la funzione di notificazione per integrazione del contraddittorio ex articolo 331 c.p.c., e l’iniziativa della parte, sopravvenuta prima ancora dell’ordine del giudice, assolve alla medesima funzione; Cass. n. 11552/2013).

Ne consegue pertanto che la successiva notifica avvenuta in data 5 giugno 2012 ad opera del ricorrente vale a prevenire l’ordine di integrazione del contraddittorio da parte del giudice, avendo in tal modo assicurato la corretta instaurazione del contraddittorio stesso, senza che possa porsi questione di ammissibilita’ per intempestivita’ dell’impugnazione.

3. Con il primo motivo di ricorso si deduce la violazione e falsa applicazione degli articoli 537 e 542 c.p.c., nonche’ il vizio di motivazione ex articolo 360 c.p.c., n. 5, per mancanza di motivazione su di un fatto controverso e decisivo.

Assume il ricorrente che la sentenza impugnata avrebbe disatteso la domanda di riduzione delle disposizioni testamentarie per asserita lesione della quota di legittima, assumendo che la misura di tale quota andava calcolata ai sensi dell’articolo 542 c.c., comma 2, e cio’ sul presupposto che, alla data di apertura della successione, concorressero i due figli della de cuius con il coniuge, risultando pertanto pari ad un quarto del patrimonio cosi’ come determinato all’esito delle operazioni di riunione fittizia.

In realta’, come documentato gia’ nel corso del giudizio di merito, e come appare incontestato, la successione ha visto il concorso unicamente dei fratelli (OMISSIS) e (OMISSIS), essendo il marito della de cuius premorto, di guisa che la detta quota andava calcolata a mente dell’articolo 537 c.c., comma 2, risultando quindi essere pari ad un terzo.

L’errore di diritto compiuto dal giudice di merito ha quindi falsato la sua decisione, avendo escluso che, in relazione alla piu’ ridotta quota di un quarto fosse sussistente, alla luce dei calcoli effettuati dal CTU, la compromissione delle ragioni successorie dell’attore, compromissione che invece, e sempre alla luce delle indagini peritali, sussiste appieno ove si abbia riguardo alla quota di un terzo effettivamente spettante a titolo di riserva.

Il motivo e’ fondato.

Effettivamente alla data di apertura della successione, alla de cuius erano succeduti unicamente i due figli, non emergendo anche la presenza del coniuge, che in realta’ era premorto alla defunta.

Ne deriva pertanto che il rigetto della domanda di riduzione, quanto al riscontro del dato quantitativo della lesione, risulta falsato dall’erroneo presupposto che le quote di legittima andassero determinate in base alle regole legali previste per l’ipotesi di concorso tra figli e coniuge, e non anche in base alla diversa regola, applicabile alla fattispecie, di successione alla quale concorrono unicamente i figli.

4. Con il secondo motivo di ricorso si lamenta la violazione falsa applicazione degli articoli 547 e 590 c.p.c., nonche’ l’assenza di motivazione su di un fatto controverso e decisivo per il giudizio.

Ed, infatti, secondo la Corte fiorentina ad impedire l’accoglimento dell’azione di riduzione era anche la circostanza che il ricorrente aveva tenuto una serie di condotte che implicavano l’accettazione dei legati disposti in suo favore, e dalle quali era possibile ricavare in maniera inequivoca la volonta’ di rinunciare a far valere la lesione, anche alla luce di quanto prevede l’articolo 590 c.c..

Lamenta il (OMISSIS) che il proprio dante causa aveva reiteratamente, ad anche nell’immediatezza dell’apertura della successione, manifestato una volonta’ contraria all’attuazione delle volonta’ testamentarie, volonta’ reiterata anche in occasione della definizione transattiva di una controversia avente ad oggetto il rilascio richiesto dai controricorrenti di un immobile legato in loro favore, ma detenuto dal ricorrente alla data di apertura della successione, laddove la riconsegna del bene avveniva facendo salvi i diritti, le ragioni e le azioni che erano oggetto del presente procedimento.

Inoltre, una volta qualificate le attribuzioni dei singoli immobili in favore del ricorrente in termini di legati, non deve dimenticarsi che i legati si acquistano di diritto, cosi’ che il conseguimento degli stessi non puo’ essere valutato alla stregua di una spontanea esecuzione delle disposizioni testamentarie, trattandosi di condotta che si connota per la sua equivocita’.

Infine del tutto improprio appare il richiamo all’articolo 590 c.c., atteso che detta norma si applica alle ipotesi di testamento o di singole disposizioni testamentarie affetta da nullita’, ma non puo’ operare invece per la diversa ipotesi delle disposizioni lesive dei diritti del legittimario che, proprio in ragione della loro validita’ ed efficacia, sono invece unicamente suscettibili di aggressione con l’esercizio dell’azione di riduzione.

4.1 Anche tale motivo e’ fondato.

Ed, infatti, risulta del tutto inappropriato il richiamo compiuto dalla Corte distrettuale alla previsione di cui all’articolo 590 c.c., che non e’ invocabile, al fine di escludere la tutela dei diritti del legittimario.

A tal fine deve richiamarsi la costataste giurisprudenza di legittimita’ che ha avuto modo di affermare che (cfr. Cass. n. 2771/1971) la conferma della disposizione testamentaria o la volontaria esecuzione di essa non opera rispetto alle disposizioni lesive della legittima, in quanto gli effetti convalidativi di cui all’articolo 590 c.c., si riferiscono alle disposizioni testamentarie nulle, mentre tali non sono quelle lesive della legittima, essendo soltanto soggette a riduzione (cioe’, suscettibili di essere dichiarate inefficaci nei limiti in cui sia necessario per integrare la quota di riserva). Pertanto, l’esecuzione volontaria di per se’ non preclude al legittimario l’azione di riduzione, salvo che egli abbia manifestato anche tacitamente la volonta’ di rinunziare all’integrazione della legittima, potendosi pero’ desumersi l’esistenza di una rinunzia tacita attraverso un complesso di elementi concordanti da cui emerga che la parte interessata abbia avuto la consapevolezza dell’esorbitanza della disposizione testamentaria dai limiti della porzione disponibile e tuttavia abbia eseguito integralmente la disposizione medesima (in termini si veda anche Cass. n. 8611/1995; Cass. n. 8001/2012).

Deve quindi ribadirsi il principio (cfr. Cass. n. 1373/2009) secondo cui, il diritto, patrimoniale (e percio’ disponibile) e potestativo, del legittimario di agire per la riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della sua quota di riserva, dopo l’apertura della successione, e’ rinunciabile anche tacitamente, sempre che detta rinuncia sia inequivocabile, occorrendo a tal fine un comportamento concludente del soggetto interessato che sia incompatibile con la volonta’ di far valere il diritto alla reintegrazione (conf. Cass. n. 20143/2013). Alla luce di tali precedenti che consentono di individuare il senso ed i limiti fattuali e giuridici per ravvisare una rinuncia tacita all’azione di riduzione, la decisione della Corte di appello ha ritenuto di riscontrare una rinuncia siffatta, valorizzando esclusivamente la condotta del dante causa dell’appellante, che si era immesso nel godimento dei beni legatigli, traendo anche i relativi frutti.

In realta’, ed a prescindere dalla disamina anche dei documenti che a detta del ricorrente comproverebbero la formulazione di una valida protestatio alla ravvisata rinuncia alla tutela dei propri diritti di riservatario, deve evidenziarsi la incongruita’ delle argomentazioni sulla base delle quali si e’ individuata la detta rinuncia tacita.

Ed, infatti, posto che, in caso di legittimario non integralmente pretermesso, come nel caso in esame, il diritto all’integrale soddisfacimento della riserva deve essere attuato mediante il riconoscimento, secondo le modalita’ previste dalla legge in tema di azione di riduzione, di una quantita’ di beni ovvero del loro controvalore economico in misura tale da perequare quanto gia’ ricevuto con l’ammontare della quota di riserva, l’avere goduto di quei beni gia’ assegnati per testamento, e che per legge sono destinati a comporre la sua quota di riserva, comunque necessitante delle dovute integrazioni, non puo’ in alcun modo essere ritenuta una condotta idonea a concretare una rinuncia tacita alla tutela delle ragioni successorie, ove il comportamento de quo non si accompagni ad altre manifestazioni di volonta’ espressa ovvero per facta concludentia, che consentano di ravvisare effettivamente una volonta’ abdicativa del legittimario (e cio’ a maggior ragione ove il godimento, come si sostiene nella memoria, abbia avuto ad oggetto beni in realta’ anche assegnati ad altro legittimario).

Ne’ appare possibile sostenere, come dedotto dai controricorrenti che il legittimario, ove intenda agire a tutela del proprio diritto alla legittima, debba previamente rinunciare ai legati di cui sia stato beneficiato, in quanto tale regola opera per espressa previsione legislativa solo nel caso di legato disposto ex articolo 551 c.c., (fattispecie che non ricorre nella vicenda in esame, in quanto i legati disposti in favore dell’attore non avevano carattere tacitativo, accompagnandosi anche alla istituzione di erede per quanto concerneva le attribuzioni dei terreni), ben potendo il legittimario, trattenere i legati gia’ ricevuti, e pretendere solo il conseguimento della differenza tra quanto gia’ ricevuto per testamento (ovvero per effetto di atti di liberalita’ compiuti in vita dal de cuius) e quanto invece riservatogli dalle norme in tema di successione necessaria.

Ne deriva che quindi anche il secondo motivo deve essere accolto, apparendo erronea la riconduzione della condotta del date causa del ricorrente ad una fattispecie di rinuncia tacita all’esercizio dell’azione di riduzione.

5. L’accoglimento del ricorso determina pertanto la cassazione della sentenza impugnata, con rinvio ad altra Sezione della Corte d’Appello di Firenze, che provvedera’ anche sulle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, e cassa la sentenza impugnata con rinvio ad altra Sezione della Corte di Appello di Firenze, che provvedera’ anche sulle spese del presente giudizio.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.