Contratto d’opera professionale con Pubblica Amministrazione

49

Infatti, il contratto d’opera professionale con la P.A., ancorche’ quest’ultima agisca iure privatorum, deve rivestire, Regio Decreto 18 novembre 1923, n. 2440, ex articoli 16 e 17, la forma scritta ad substantiam, che e’ strumento di garanzia nell’interesse del cittadino, costituendo remora ad arbitrii, ed agevola l’espletamento della funzione di controllo; esso, pertanto, deve tradursi, a pena di nullita’, nella redazione di un apposito documento, recante la sottoscrizione del professionista e del titolare dell’organo attributario del potere di rappresentare l’ente interessato nei confronti dei terzi, nonche’ l’indicazione dell’oggetto della prestazione e l’entita’ del compenso, dovendo, altresi’, escludersene la possibilita’ di conclusione tramite corrispondenza, occorrendo che la pattuizione sia versata in un atto contestuale, anche se non sottoscritto contemporaneamente.

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Ordinanza 31 ottobre 2018, n. 27910

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ORILIA Lorenzo – Presidente

Dott. BELLINI Ubaldo – rel. Consigliere

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21797/2014 proposto da:

(OMISSIS), anche nella qualita’ di titolare e legale rappresentante dello (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’Avvocato (OMISSIS), ed elettivamente domiciliata presso lo studio dell’Avv. (OMISSIS) in (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

COMUNE di CONVERSANO, in persona del Sindaco pro tempore Avv. (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’Avvocato (OMISSIS) ed elettivamente domiciliato presso lo studio dell’Avv. (OMISSIS) in (OMISSIS);

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1062/14 della CORTE DI APPELLO di BARI, pubblicata il 28/06/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 09/05/2018 dal Consigliere UBALDO BELLINI.

FATTI DI CAUSA

L’avv. (OMISSIS) promuoveva procedimento monitorio per l’attivita’ professionale svolta in favore del COMUNE di CONVERSANO (consulenza legale per la costituzione di societa’ di capitali, a prevalente finanziamento pubblico locale, per la gestione di servizi pubblici).

Il Tribunale di Bari, sezione distaccata di Rutigliano, emetteva decreto ingiuntivo n. 131/2002 in data 20.6.2002, contenente l’intimazione a pagare a favore della istante la somma di Euro 56.868,10, oltre interessi e accessori.

Avverso detto decreto ingiuntivo proponeva opposizione il Comune di Conversano, il quale deduceva il difetto di legittimazione ad agire dell’avv. (OMISSIS), in quanto l’incarico era stato conferito allo (OMISSIS); nel merito, l’ente asseriva la preventiva determinazione consensuale del compenso spettante, richiedendo, in via subordinata, il calcolo del compenso mediante applicazione degli onorari minimi.

Si costituiva in giudizio l’avv. (OMISSIS) contestando l’atto di opposizione e chiedendone il rigetto.

Istruita la causa con prove testimoniali e CTU, con sentenza n. 101/2009, depositata l’8.4.2009, il Tribunale di Bari, sezione distaccata di Rutigliano, rigettava l’opposizione proposta dal Comune di Conversano e confermava il detto decreto ingiuntivo opposto.

Avverso tale sentenza proponeva appello il Comune di Conversano per i motivi gia’ proposti in sede di opposizione al decreto ingiuntivo, relativi al difetto di legittimazione attiva dell’avv. (OMISSIS), nonche’ alla predeterminazione convenzionale del compenso, rilevando l’ulteriore motivo di nullita’ della delibera della Giunta Comunale n. 164/1998 di conferimento dell’incarico per mancanza dell’impegno di spesa, valevole ad inficiare anche il successivo contratto di prestazioni professionali dell’11.6.1998, oltre alla nullita’ della delibera della Giunta Comunale n. 436/1999.

Si costituiva in giudizio l’avv. (OMISSIS), contestando ogni censura e chiedendo il rigetto dell’appello e la conferma della sentenza di primo grado.

La Corte d’Appello di Bari, con ordinanza, rigettava l’istanza di sospensione della provvisoria esecuzione della sentenza, per cui l’ente provvedeva successivamente al pagamento della somma dovuta pari ad Euro 83.072,27.

Con sentenza n. 1062/2014, depositata il 28.6.2014, la Corte d’Appello di Bari revocava il decreto ingiuntivo e condannava l’avv. (OMISSIS) a restituire al Comune di Conversano, con gli interessi legali dal pagamento al saldo, l’importo dallo stesso pagato, oltre alle spese di lite del doppio grado di giudizio.

Avverso detta sentenza propone ricorso per cassazione l’avv. (OMISSIS) sulla base di due motivi; cui resiste il Comune di Conversano con controricorso. Entrambe le parti hanno depositato memoria illustrativa.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1.1. – Con il primo motivo, la ricorrente deduce la “violazione e falsa applicazione della L. n. 142 del 1990, articolo 53, comma 1, e articolo 55, comma 5; dell’articolo 1418 c.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., n. 3 – Omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio oggetto di discussione tra le parti in relazione all’articolo 360 c.p.c., n. 5”, in quanto la Corte d’appello, nell’accogliere il gravame, si e’ limitata ad affermare (con riguardo alla Deliberazione della G.M. n. 164/1998, che affidava la prestazione di consulenza professionale de qua all’avv. (OMISSIS), con la contestuale approvazione di specifica convenzione volta a regolamentare il rapporto di collaborazione di alta specializzazione, riservando all’adozione di una successiva “determinazione” l’assunzione dell’impegno di spesa) la nullita’ della stessa e del contratto a seguito di essa intervenuto, giacche’, da un lato, non vi era stata una delibera che comportasse un impegno di spesa, “e, dall’altro lato, non vi (era) stata, successivamente ad essa, ne’ la trasmissione al responsabile del servizio finanziario ne’ l’apposizione del visto di regolarita’ contabile attestante la copertura finanziaria”; da cio’ la nullita’ della Deliberazione.

La ricorrente lamenta, altresi’, che la Corte di merito non abbia considerato anche la successiva delibera della Giunta comunale n. 436 del 23.12.1999 che aveva sostituito la precedente deliberazione, ritenendo altrettanto erroneamente che, con tale secondo provvedimento di Giunta, questa non avesse conferito un nuovo incarico, inglobando il precedente, ma avesse esteso detto incarico affetto da nullita’ (sentenza impugnata pag. 4).

1.2. – Con il secondo motivo, la ricorrente denuncia l'”omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio oggetto di discussione tra le parti in relazione all’articolo 360 c.p.c., n. 5″, in quanto, con riferimento alla seconda deliberazione n. 436/1999, il Giudice d’Appello ha ritenuto che con essa la Giunta non intendesse conferire un nuovo incarico che inglobava il precedente, bensi’ estendere l’incarico in precedenza affidato, che era comunque affetto fa nullita’; ed ha evidenziato, altresi’, come a tale delibera non avesse fatto seguito un contratto in forma scritta, di modo che, ove si fosse riconosciuto alla delibera carattere novativo, si sarebbe comunque in presenza di un incarico professionale affidato senza l’osservanza della forma scritta, imposta dal legislatore a pena di nullita’. Sottolinea, viceversa, la ricorrente che nella deliberazione n. 436/1999 veniva specificato che l’incarico assorbiva e teneva luogo di quello precedente conferito con delibera n. 164/1998 e che era prevista come spesa la somma di Lire 13.000.000, da versare quale acconto sull’importo presunto di cui alla delibera 164/1998.

2. – Data la stretta connessione logico giuridica dei due motivi di ricorso gli stessi vanno decisi congiuntamente.

2.1. – La Corte d’appello di Bari ha fondato la propria decisione di revoca del decreto ingiuntivo opposto, emesso dal Tribunale di Bari in data 20.6.2002 su due rationes decidendi, ciascuna autonomamente idonea a sorreggere la pronuncia.

L’una riferita alla nullita’ della Deliberazione della Giunta Comunale di Conversano n. 164 del 20.5.1998 (di affidamento delle prestazioni di consulenza professionale de quibus) per i motivi riportati sub 1.1., conseguentemente ritenendo la nullita’ del successivo contratto di prestazioni professionali dell’11.6.1998, oltre alla nullita’ della delibera della Giunta Comunale n. 436 del 23.12.1999, cui non aveva fatto seguito la stipulazione di un contratto in forma scritta.

L’altra (sub 1.2.) riguardante la nullita’ di un incarico professionale affidato senza l’osservanza della forma scritta, imposta dal legislatore.

3. – Muovendo dalla seconda ratio decidendi, questo Collegio rileva come, del tutto correttamente, la Corte distrettuale abbia ritenuto, con riferimento alla deliberazione n. 436/1999, che la Giunta non intendesse conferire con essa un nuovo incarico che inglobava il precedente, bensi’ estendere l’incarico in precedenza affidato, gia’ comunque affetto da nullita’; evidenziando, altresi’, come a tale delibera non avesse fatto seguito un contratto in forma scritta; di modo che, anche ove si fosse riconosciuto a tale delibera carattere novativo, si sarebbe comunque stati in presenza di un incarico professionale affidato senza l’osservanza della forma scritta, imposta dal legislatore a pena di nullita’.

3.1. – Tale affermazione risulta in linea con i consolidati principi giurisprudenziali, secondo i quali, in tema di contratti della P.A., il contratto d’opera professionale deve essere stipulato in forma scritta, a pena di nullita’, dall’organo rappresentativo dell’ente (Cass. n. 1167 del 2013).

Infatti, il contratto d’opera professionale con la P.A., ancorche’ quest’ultima agisca iure privatorum, deve rivestire, Regio Decreto 18 novembre 1923, n. 2440, ex articoli 16 e 17, la forma scritta ad substantiam, che e’ strumento di garanzia nell’interesse del cittadino, costituendo remora ad arbitrii, ed agevola l’espletamento della funzione di controllo; esso, pertanto, deve tradursi, a pena di nullita’, nella redazione di un apposito documento, recante la sottoscrizione del professionista e del titolare dell’organo attributario del potere di rappresentare l’ente interessato nei confronti dei terzi, nonche’ l’indicazione dell’oggetto della prestazione e l’entita’ del compenso, dovendo, altresi’, escludersene la possibilita’ di conclusione tramite corrispondenza, occorrendo che la pattuizione sia versata in un atto contestuale, anche se non sottoscritto contemporaneamente. (Cass. n. 24679 del 2013; cfr. anche Cass. n. 21477 del 2013).

3.2. – Ne’ valgono le considerazioni, svolte dalla ricorrente in ordine al fatto che, nella specie, la Giunta Comunale, avendo urgenza di acquisire i dati richiesti vista l’imminenza delle festivita’ natalizie, disponeva espressamente di attribuire valore negoziale alla deliberazione a seguito di sottoscrizione della stessa da parte dello studio incaricato.

Questa Corte ha, infatti, chiarito che non e’ sufficiente che il professionista accetti, espressamente o tacitamente, la delibera a contrarre, poiche’ questa, anche se sottoscritta dall’organo rappresentativo medesimo, resta un atto interno, che l’ente puo’ revocare ad nutum (Cass. n. 1167 del 2013).

L’osservanza della forma scritta richiede, infatti, la redazione di un atto recante la sottoscrizione del professionista e dell’organo dell’ente legittimato ad esprimerne la volonta’ all’esterno, nonche’ l’indicazione dell’oggetto della prestazione e l’entita’ del compenso, dovendo escludersi che, ai fini della validita’ del contratto, la sua sussistenza possa ricavarsi da altri atti (quali, ad esempio, come nella specie, la delibera dell’organo collegiale dell’ente che abbia autorizzato il conferimento dell’incarico) ai quali sia eventualmente seguita la comunicazione per iscritto dell’accettazione da parte del medesimo professionista.

Il contratto mancante del succitato requisito e’ nullo e non e’ suscettibile di alcuna forma di sanatoria, sotto nessun profilo, poiche’ gli atti negoziali della P.A. constano di manifestazioni formali di volonta’, non surrogabili con comportamenti concludenti (Cass. n. 22501 del 2006; nello stesso senso, Cass. n. 15488 del 2001).

4. – Al rigetto del secondo motivo segue la inammissibilita’, per difetto di interesse, del primo.

4.1. – Costituisce principio consolidato, che nella specie deve trovare ulteriore conferma trattandosi di identica situazione, quello secondo cui, ove una sentenza (o un capo di questa) si fondi su piu’ ragioni, tutte autonomamente idonee a sorreggerla, e’ necessario – per giungere alla cassazione della pronunzia – non solo che ciascuna di esse abbia formato oggetto di specifica censura, ma anche che il ricorso abbia esito positivo nella sua interezza con l’accoglimento di tutte le censure, affinche’ si realizzi lo scopo stesso dell’impugnazione. E’ sufficiente, pertanto, che anche una sola delle dette ragioni non formi oggetto di censura, ovvero che sia respinta la censura relativa anche ad una sola delle dette ragioni, perche’ il motivo di impugnazione debba essere respinto nella sua interezza, divenendo inammissibili, per difetto di interesse, le censure avverso le altre ragioni (Cass. n. 23931 del 2007).

Infatti, l’omessa impugnazione di tutte le rationes decidendi rende inammissibili le censure relative alle singole ragioni esplicitamente fatte oggetto di doglianza, in quanto queste ultime, quand’anche fondate, non potrebbero comunque condurre, stante l’intervenuta definitivita’ delle altre non impugnate, all’annullamento della decisione stessa (Cass. sez. un. n. 7931 del 2013; cfr., ex plurimis, Cass. 22753 del 2011; Cass. n. 4293 del 2016; Cass. 9752 del 2017; nello stesso senso, di recente, Cass. n. 11493 del 2018, per la quale la ritenuta infondatezza delle censure mosse ad una delle rationes decidendi rende inammissibili, per sopravvenuto difetto di interesse, le censure relative alle altre ragioni esplicitamente fatte oggetto di doglianza, in quanto queste ultime non potrebbero comunque condurre, stante l’intervenuta definitivita’ delle altre, alla cassazione della decisione stessa; v. anche Cass. n. 2108 del 2012).

5. – Il ricorso va, dunque, rigettato. Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo. Va emessa la dichiarazione di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1 quater.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Condanna la ricorrente alla refusione delle spese di lite al controricorrente, che liquida in complessivi Euro 5.200,00 di cui Euro 200,00 per rimborso spese vive, oltre al rimborso forfettario spese generali, in misura del 15%, ed accessori di legge. Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto che sussistono i presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.