Fallimento Opposizione allo stato passivo Giudicato endofallimentare

50

in tema di opposizione allo stato passivo dell’amministrazione straordinaria, anche nella disciplina successiva al Decreto Legislativo n. 5 del 2006, e’ pienamente efficace la regola del giudicato endofallimentare, L. Fall., ex articolo 96, sicche’, ove il creditore abbia opposto il provvedimento di parziale esclusione del diritto vantato dallo stato passivo, senza che, nel conseguente giudizio di opposizione, il commissario straordinario si sia costituito ed abbia contestato il difetto di legittimazione attiva, il giudice dell’opposizione non puo’, “ex officio”, rivalutare la legittimazione del creditore ed escludere la qualita’ del credito richiesta, in base ad una rivalutazione dei fatti gia’ oggetto di quel provvedimento e non contestata nei termini e nelle forme di legge, in quanto coperta dal predetto giudicato

Per una più completa ricerca di giurisprudenza in materia di diritto fallimentare, si consiglia di consultare la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia di diritto fallimentare si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La (nuova) revocatoria fallimentare delle rimesse in Conto Corrente: rilevanza o meno della natura solutoria della rimessa?

Revocatoria fallimentare: elementi rilevati ai fini dell’accertamento della scientia decoctionis.

Contratto di assicurazione e dichiarazione di fallimento, con particolare riferimento all’assicurazione R.C.A.

La sorte del contratto di affitto di azienda pendente al momento della dichiarazione di fallimento.

L’estensione di fallimento alle società a responsabilità limitata socie di una “società di fatto”

Corte di Cassazione, Sezione 6 1 civile Ordinanza 14 marzo 2017, n. 6524

Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – rel. Consigliere

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9894/2016 proposto da:

(OMISSIS) S.P.A. – C.F. (OMISSIS), P.I. (OMISSIS), in persona del suo Procuratore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS) che la rappresenta e difende unitamente e disgiuntamente all’avvocato (OMISSIS);

– ricorrenti –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) S.R.L.;

– intimato –

avverso il decreto n. Cron. 1585/2016 del TRIBUNALE di VICENZA, depositato il 21/03/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non partecipata del 24/02/2017 dal Consigliere Dott. FRANCESCO ANTONIO GENOVESE.

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

Il Tribunale di Vicenza, con il decreto n. 1585 del 2015 (depositato il 21 marzo 2016), in totale reiezione dell’opposizione allo stato passivo del Fallimento (OMISSIS) Srl proposta dalla (OMISSIS) SpA, gia’ ammessa – su richiesta del curatore – dal GD in chirografo per il credito domandato in via privilegiata, ha non solo respinto la pretesa sulla qualita’ del credito vantato (ossia il privilegio ipotecario, in quanto il DI posto a base della richiesta non era munito del decreto di esecutorieta’, ex articolo 647 c.p.c.) ma ha anche escluso che la Banca potesse essere ammessa, tout court, in chirografo (in quanto non sarebbero stati versati in atti i documenti posti a base della richiesta di monitorio), pur in mancanza di una impugnazione da parte del curatore fallimentare.

Il Collegio condivide la proposta di definizione della controversia contenuta nella proposta notificata alle parti costituite nel presente procedimento, alla quale sono state mosse, solo in parte, osservazioni critiche che, tuttavia, non sono tali da portare ad un ripensamento delle formulate conclusioni.

Infatti, il primo mezzo del ricorso – nonostante le osservazioni critiche della ricorrente – e’ manifestamente infondato, alla luce dei principi di diritto gia’ enunciati da questa Corte: a) relativi alla non ammissione della qualita’ privilegiata del credito, quando sia basata su un DI non munito di esecutorieta’ ex articolo 647 c.p.c., perche’: “il decreto ingiuntivo acquista efficacia di giudicato sostanziale, idoneo a costituire titolo inoppugnabile per l’ammissione al passivo, solo nel momento in cui il giudice, dopo averne controllato la ritualita’ della notificazione, lo dichiari, in mancanza di opposizione o di costituzione dell’opponente, esecutivo ai sensi dell’articolo 647 c.p.c.” (Cass. Sez. 6-1, Ordinanza n. 3987 del 2016); b) e relativi alla non richiamabilita’ ex officio dei documenti sottostanti al monitorio, atteso che: “in materia di opposizione allo stato passivo fallimentare, nel regime riformato, il ricorrente deve produrre i documenti di cui intenda avvalersi nel termine stabilito, a pena di decadenza, dalla L. Fall., articolo 99, comma 2, n. 4, la cui inosservanza e’ rilevabile di ufficio inerendo a materia sottratta alla disponibilita’ delle parti” (Cass. Sez. 1, Sentenza n. 25174 del 2015).

I restanti mezzi (il secondo, il terzo ed il quarto) sono, invece, manifestamente fondati, alla luce del principio di diritto gia’ enunciato da questa stessa sezione (Sez. 6-1, Ordinanza n. 19960 del 2015) (e secondo cui: “in tema di opposizione allo stato passivo dell’amministrazione straordinaria, anche nella disciplina successiva al Decreto Legislativo n. 5 del 2006, e’ pienamente efficace la regola del giudicato endofallimentare, L. Fall., ex articolo 96, sicche’, ove il creditore abbia opposto il provvedimento di parziale esclusione del diritto vantato dallo stato passivo, senza che, nel conseguente giudizio di opposizione, il commissario straordinario si sia costituito ed abbia contestato il difetto di legittimazione attiva, il giudice dell’opposizione non puo’, “ex officio”, rivalutare la legittimazione del creditore ed escludere la qualita’ del credito richiesta, in base ad una rivalutazione dei fatti gia’ oggetto di quel provvedimento e non contestata nei termini e nelle forme di legge, in quanto coperta dal predetto giudicato”).

Il giudicato endofallimentare risulta, infatti, nella specie, dalla mancata impugnazione della decisione del GD da parte del curatore fallimentare.

Di conseguenza il ricorso deve essere accolto, con riferimento ai motivi dal secondo al quarto, con esclusione del primo; il decreto impugnato deve essere cassato, con rinvio della causa, per un nuovo esame (oltre che delle spese di questa fase del giudizio) condotto alla luce dei principi enunciati, davanti al Tribunale di Vicenza, in diversa composizione.

P.Q.M.

La Corte:

Accoglie il secondo, terzo e quarto motivo di ricorso, respinto il primo, cassa il decreto impugnato in relazione ai motivi accolti, e rinvia la causa, anche per le spese di questa fase del giudizio, al Tribunale di Vicenza in diversa composizione.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.