Foro del consumatore applicabile alle controversie tra avvocato e cliente

14

nei rapporti tra avvocato e cliente quest’ultimo riveste la qualita’ di “consumatore”, ai sensi del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, articolo 3, comma 1, lettera a), a nulla rilevando che il rapporto sia caratterizzato dall'”intuitu personae” e sia non di contrapposizione, ma di collaborazione (quanto ai rapporti esterni con i terzi), non rientrando tali circostanze nel paradigma normativo: ne consegue che alla controversia tra cliente ed avvocato in tema di responsabilita’ professionale si applicano le regole sul foro del consumatore di cui al Decreto Legislativo n. 206 del 2005, articolo 33, comma 2, lettera u).

 

Corte di Cassazione, Sezione 6 3 civile Ordinanza 13 settembre 2017, n. 21187
Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere

Dott. OLIVIERI Stefano – rel. Consigliere

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 17281-2016 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CASSAZIONE, rappresentato e difeso da se stesso;

– resistente –

per regolamento di competenza avverso l’ordinanza n. R.G. 55890/2014 del TRIBUNALE di ROMA, depositata il 20/06/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 25/05/2017 dal Consigliere Dott. STEFANO OLIVIERI;

sulle conclusioni scritte del P.G. in persona del Dott. ALBERTO CARDINO che chiede che Codesta Suprema Corte voglia dichiarare la competenza del Tribunale di Roma, assumendo i provvedimenti di cui all’articolo 49 c.p.c., comma 2.

PREMESSO IN FATTO

Con ordinanza in data 16.6.2016, il Tribunale di Roma ha dichiarato la propria incompetenza per territorio in favore del Tribunale Napoli Nord accogliendo la eccezione pregiudiziale proposta dal convenuto- nella causa introdotta con atto di citazione da (OMISSIS) nei confronti dell’avv. (OMISSIS) ed avente ad oggetto il risarcimento dei danni per responsabilita’ professionale, avendo omesso il legale – dopo aver ricevuto la provvista di Euro 48.038,33 – di registrare presso l’Ufficio delle Entrate di Brescia il provvedimento monitorio rilasciato a favore dell’ (OMISSIS), incamerando la somma a deconto di vantate competenze professionali;

– l’ordinanza e’ stata tempestivamente impugnata con regolamento necessario ex articolo 42 c.p.c. da (OMISSIS) il quale con il ricorso deduce: a) l’errata indicazione, nella eccezione del convenuto (OMISSIS), del foro di Napoli (ove era ubicato lo studio professionale dell’avvocato) in relazione alla “dimora” anziche’, come previsto dalla collocazione ordinale dei luoghi dell’articolo 18 c.p.c., comma 1, del foro di Verona, luogo di “residenza” del convenuto; b) la eccezione di incompetenza doveva considerarsi inefficace, non avendo il convenuto contestato la competenza del Giudice adito in relazione anche a tutti gli altri “fori concorrenti” (articolo 20 c.p.c.); c) in ogni caso il foro di Roma (ove era ubicata la residenza dell’attore) doveva ritenersi “esclusivo”, in quanto la causa verteva tra cliente e professionista e dunque trovava applicazione il “foro speciale del consumatore” previsto dalla disciplina del Codice del consumo (Decreto Legislativo 6 settembre 2006, n. 205, articolo 33);

ha depositato memoria difensiva ex articolo 47 c.p.c., comma 5 il convenuto (OMISSIS) sostenendo: 1-che la propria “residenza” ed il proprio “domicilio” erano in (OMISSIS) ove era ubicato il suo studio professionale; 2-di aver contestato anche i “fori facoltativi” ex articolo 20 c.p.c., sostenendo che tra le parti non era stato perfezionato alcun accordo, avente ad oggetto l’incarico professionale asseritamente inadempiuto, e che, in ogni caso, una obbligazione restitutoria di indebito doveva essere adempiuta ex articolo 1182 c.c., comma 4 presso il “domicilio” del debitore; 3-che l’ (OMISSIS) si era riconosciuto debitore di competenze professionali e dunque la causa verteva “in materia di pagamento di prestazioni professionali e non gia’ nell’ambito delle materie coperte dalla disciplina del Decreto Legislativo n. 206 del 2005”.

– il Pubblico Ministero ha concluso instando per la dichiarazione della competenza del Tribunale di Roma, ai sensi del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, articolo 33, comma 2, lettera u), dichiarata assorbita ogni altra questione.

RITENUTO IN DIRITTO

– Il ricorso e’ fondato in relazione alla ragione piu’ liquida fondata sulla applicazione del foro speciale del consumatore. La controversia attiene come peraltro riconosciuto anche dal legale – a pretese aventi titolo in un rapporto d’opera, non rilevando nella fattispecie quale fosse l’oggetto delle prestazioni richieste o rese dal professionista in tale rapporto, avendo l’ (OMISSIS) proposto domanda risarcitoria per danni conseguenti

all’inadempimento delle obbligazioni contrattuali (indebito

incameramento di somme destinate alla registrazione fiscale di un titolo esecutivo, e omessa registrazione del titolo esecutivo), ed avendo il (OMISSIS) opposto un maggior credito derivante anch’esso dalla esecuzione di prestazioni professionali;

– che, pertanto, non essendo contestata l’affermazione del ricorrente

secondo cui l’opera richiesta al legale si inseriva nell’ambito di un

giudizio svoltosi presso il Tribunale di Brescia concernente il “recupero di un credito personale”, ed escluso quindi che il rapporto intercorso tra le parti avesse ad oggetto l’attivita’ imprenditoriale o professionale svolta dall’ (OMISSIS) (cfr. Corte cass. Sez. 6 – 2, Ordinanza n. 780 del 19/01/2016), la questione di competenza va risolta alla stregua del principio di diritto secondo cui nei rapporti tra avvocato e cliente quest’ultimo riveste la qualita’ di “consumatore”, ai sensi del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, articolo 3, comma 1, lettera a), a nulla rilevando che il rapporto sia caratterizzato dall'”intuitu personae” e sia non di contrapposizione, ma di collaborazione (quanto ai rapporti esterni con i terzi), non rientrando tali circostanze nel paradigma normativo: ne consegue che alla controversia tra cliente ed avvocato in tema di responsabilita’ professionale si applicano le regole sul foro del consumatore di cui al Decreto Legislativo n. 206 del 2005, articolo 33, comma 2, lettera u), (cfr. Corte cass. Sez. 6 – 3, Ordinanza n. 1464 del 24/01/2014);

che pertanto, l’applicazione del foro esclusivo del consumatore radica la competenza territoriale del Tribunale di Roma, dovendo in tal senso essere affermata la competenza.

P.Q.M.

Dichiara la competenza per territorio del Tribunale Ordinario di Roma, avanti il quale dovra’ essere riassunta la causa nel termine di legge.

Condanna (OMISSIS) alla rifusione delle spese del procedimento che liquida in Euro 2.500,00 per compensi, Euro 200,00 per esborsi, spese generali forfetarie nella misura del 15%, oltre accessori di legge.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.